Home Politica La Boschi candidata a Bolzano: scoppiano le polemiche

La Boschi candidata a Bolzano: scoppiano le polemiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:17
CONDIVIDI

boschiCercavano per lei un seggio sicuro e così da Arezzo, suo seggio naturale, la Boschi si è ritrovata nella non vicinissima Bolzano. “Sono felice di questo affetto: il mio rapporto con questo territorio era già molto forte, perché trascorro qui le vacanze — spiega la sottosegretaria —. Le mie parole sull’autonomia? Le ho già smentite a suo tempo  e lo rifaccio adesso: mai messa in discussione. Tornerò presto a fare campagna sul territorio. Il tedesco? Parlo solo qualche parola, ma lo imparerò — aggiunge —. Perché non mi sono candidata ad Arezzo? Io non avevo paura, ma il partito ha deciso così”.

Non sono mancate però le polemiche per questa scelta a dir poco discutibile, come riportato da Libero. Roberto Bizzo, presidente del Consiglio provinciale, anche lui del Pd sottolinea: “Così gli italiani dell’Alto Adige non avranno in Parlamento alcun rappresentante del territorio. Boschi è di Arezzo e il collega Bressa di Belluno”. Luis Durnwalder, ex leader Svp, è altrettanto perplesso, come riportato da Repubblica: “Avrei preferito trovare due candidati di lingua italiana che fossero di Bolzano: nel Pd c’erano persone valide e pure autonomiste”.

A sostenere la Boschi c’è invece Arno Kompatscher, presidente della Provincia dell’Alto Adige e leader dell’Svp, così come  il sindaco Renzo Caramaschi, indipendente di sinistra: «Io la voto: è in gamba».

F.B.

Fonti: Libero, Repubblica

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]