negro
(Websource/archivio)

Andi Nganso, 30 anni, nato in Camerun e da 12 anni in Italia, nel nostro Paese si è dato da fare, conseguendo la laurea in medicina. Nei giorni scorsi, gli è capitato però di essere insultato per il suo colore della pelle: “Non mi faccio visitare da un negro”, le parole di una paziente, che era andata all’ambulatorio della guardia medica di Cantù perché stava poco bene e aveva trovato di turno il medico camerunense, come riportato da Il Corriere della Sera.

Il 30enne, su Facebook, ha rivelato l’episodio, rispondendo con una vena di sarcasmo: “Non ti fai toccare da un medico ‘negro’?
Io ti ringrazio. Ho 15min per bere un caffè”. La sua risposta è diventata virale e in tanti hanno manifestato solidarietà e sostegno al dottor Andi Nganso: “Io auguro alla signora di trovare il medico che ha trovato mia madre. Bianco, biondo, occhi azzurri, italianissimo e tanto incompetente che quasi la stava facendo morire!”, è uno dei commenti al post del 30enne.

Il medico camerunense, che prima di arrivare a Cantù ha lavorato al centro di accoglienza di Bresso e pure in quello di Lampedusa, ha raccontato quanto accaduto: “Sono medico da due anni e capita di rendermi conto che i pazienti sono sorpresi e magari un pò incerti davanti a un medico nero, ma una reazione tanto violenta non mi era mai capitata prima. In diversi casi mi sono trovato davanti persone che non sono riuscite a nascondere la sorpresa e magari anche il loro disappunto. Una volta un bimba mi ha fatto notare con stupore che ero gentile mentre i suoi genitori le dicevano di non parlare con gli uomini neri. In altri casi, con una scusa qualcuno ha lasciato l’ambulatorio. Non me la prendo. Questa volta però la reazione della paziente mi ha spiazzato”.

GM

Fonte: Il Corriere della Sera

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui