pitbull La piccola Rylee Marie, 3 anni, era felicissima del nuovo arrivato nella sua famiglia. Solo cinque giorni prima suo padre, che nel passato non aveva mai voluto prendere un animale, si era fatto intenerire da quel pitbull che si era dimostrato così affettuoso col fratellino di Rylee. Nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo di lì a poco in quella casa  di Duncan, in Oklahoma.

Domenica scorsa il papà della piccola è uscito di casa e ha lasciato la bimba con la nonna e il cane soli in casa. Improvvisamente l’animale  si è scagliato contro la piccola Rylee Marie e l’ha sbranata sotto gli occhi atterriti della nonna che ha poi chiamato il figlio sotto choc dicendogli di tornare a casa e senza riuscire nemmeno a spiegare cosa fosse successo, come riportato dal Daily Mail.

Il papà della piccola vittima racconta: “Non c’è stato nulla che potessero fare – ha detto l’uomo in lacrime – Avevo comprato quel cane da un amico cinque giorni prima. Non avevo mai voluto cani in casa, ma avevo portato mio figlio per farlo incontrare con il pitbull e lui si era dimostrato affettuoso: lo leccava e giocava tranquillamente con lui. Nei primi giorni a casa continuava a comportarsi nello stesso modo. Mai avrei pensato a una cosa del genere”.

Il cane è stato poi ucciso da un agente giunto sul posto e anche lui aggredito: “Avevo chiesto agli agenti di ucciderlo – ha spiegato Jason – O lo facevano loro o lo avrei fatto io. Adesso sono devastato dalla perdita di mia figlia, non so come riuscirò ad andare avanti”.

L’uomo ha poi pubblicato uno struggente messaggio dedicato alla figlia: “Mi manchi. Mi dispiace per quello che ti è successo: avevo promesso che non avrei mai permesso a nessuno di farti del male e, invece, non sono riuscito a proteggerti. Ti amerò per sempre e questo non cambierà mai”.

F.B.

Fonte: Daily Mail

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui