Home Economia Sacchetti bio, il discount: “Venite da noi, sono gratis” – FOTO

Sacchetti bio, il discount: “Venite da noi, sono gratis” – FOTO

CONDIVIDI

Mentre sembra assopirsi la polemica sui sacchetti bio per frutta e verdura a pagamento, qualche supermercato corre ai ripari e inventa nuove forme alternative per garantire la gratuità. In particolare, il gruppo Dpiù, che fa riferimento alla holding Maxi Di srl con sede a Belfiore nel Veronese, ha deciso di proporre ai clienti il sacchetto gratuito per frutta e verdura, utilizzando un espediente davvero banale: i sacchetti infatti sono di carta.

Cristian Noventa, responsabile di filiale del negozio al quartiere San Pio X di Vicenza, ha spiegato: “I nostri clienti sono rimasti positivamente colpiti, ma non sorpresi anche perché una politica del genere non è nuova nel nostro gruppo giacché lo stesso approccio, per esempio, lo abbiamo seguito con il pane”. Quindi ricorda parlando con i quotidiani locali: “Siamo un punto di riferimento importante per il quartiere. La gente si aggiorna sulle nostre offerte, consulta i volantini, scarica l’app sul telefonino: ci conosce bene ed è proprio per questo motivo che la proposta dei sacchetti di carta non li ha colti di sorpresa”.

La novità è piaciuta ai clienti della catena, non solo a Vicenza, ma in tutto il Veneto, come si capisce dalla testimonianza di una donna: “Una piccola novità che ti permette di risparmiare qualche soldino. È un segno di buona volontà che apprezzo”. E la scelta continua a dividere la platea dei consumatori: “I sacchetti bio sono bio per finta perché le colture necessarie per produrre la materia prima necessaria vengono sottratte all’alimentazione. Meglio la carta. O ancora meglio il mercato con la borsa riutilizzabile”, sostiene una giovanissima. Un altro acquirente le replica: “Non cambia nulla rispetto a prima. Hanno scatenato questa polemica solo per gettar fango su Renzi”.

GM