Mantova, rinvenute ossa umane di bambini nascoste in un borsone

ossa umane

In provincia di Mantova, e precisamente in località Medole, sono stati ritrovati dei resti umani appartenenti a due bambini e ad una persona adulta. A quest’ultima apparteneva nello specifico un femore, mentre erano dei bimbi due teschi, con le ossa nascoste all’interno di un borsone abbandonato in una zona di campagna. Il ritrovamento risale a giovedì scorso, con la notizia diventata però di dominio pubblico soltanto oggi. Dopo una analisi preliminare, è stato stabilito che i resti dovrebbero risalire a circa quindici anni fa, come riportato da Il Corriere della Sera.

Trovate delle ossa umane, nei prossimi giorni saranno svolti dei test

La Procura della città lombarda ha aperto una inchiesta in merito a questo avvenimento, ed è stato aperto un fascicolo con l’accusa di sottrazione di cadavere a carico di ignoti. Nei prossimi giorni un perito verrà incaricato di svolgere dei test sulle ossa umane per stabilire con precisione età, razza e la presenza di eventuali tracce di dna dei loro appartenenti. La scoperta dei resti era stata fatta da una giovane abitante del posto che stava passeggiando con il suo cane. L’animale ha fiutato una traccia che ha poi condotto entrambi al borsone, le cui condizioni sembrano essere alquanto recenti e che era stato lasciato all’interno di un fosso. Dopo averlo aperto ed essere rimasta comprensibilmente inorridita, la ragazza ha subito avvisato i carabinieri. Sempre nelle scorse ore è stato rinvenuto un cadavere fatto a pezzi appartenente ad una donna, in un’altra località di campagna in provincia di Verona.

S.L.

Fonte: Il Corriere della Sera

Impostazioni privacy