Home Opinioni Intossicazione alimentare, diversi casi a Vicenza dopo il cenone di Natale

Intossicazione alimentare, diversi casi a Vicenza dopo il cenone di Natale

CONDIVIDI

intossicazione alimentareA Vicenza una intera famiglia intossicata a causa dell’assunzione di cibo avariato ha dovuto passare il Natale in ospedale. Quattro component dello stesso nucleo, due coniugi di rispettivamente 66 e 62 anni ed i loro figli di 31 e 29 anni, sono stati ricoverati dopo aver mangiato un dolce. A finire sotto la lente di ingrandimento però sembra sia stato un cibo in particolare, preparato in casa: si tratta di una torta fatta di pasta a sfoglia ed uovo fatta da una parente.

Intossicazione alimentare, diversi i casi nel Vicentino

Qualche ora dopo aver consumato il pasto per il cenone di Natale, i quattro hanno accusato dei forti dolori addominali seguiti da diarrea e vomito, e dopo aver consultato il loro medico di base si sono recati al pronto soccorso. Qui è stata riscontrata effettivamente una intossicazione alimentare in piena regola. Con tutta probabilità, il dolce che ha causato loro tutto questo era stato approntato utilizzando delle uova avariate. Una cosa simile è accaduta anche ad un altro gruppo di persone dopo aver mangiato dei funghi raccolti in estate e congelati e scongelati per due volte. Infine una coppia nigeriana ha dovuto richiedere assistenza medica dopo aver ingerito del pesce; si tratta di un 43enne e di una 38enne. Una intossicazione ma di diverso genere era avvenuta in una scuola elementare di Torino due settimane fa.

S.L.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org