Home Persone Melanoma in gravidanza. Donna salvata e bimbo nato sano

Melanoma in gravidanza. Donna salvata e bimbo nato sano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:40
CONDIVIDI
(Websource/archivio)

Torino. Una storia a lieto fine, finalmente e fortunatamente. Una donna a cui è stato riscontrato un rarissimo melanoma oculare al sesto mese di gravidanza, proprio ieri in serata ha messo alla luce uno splendido pargoletto di 3 kili e 600 grammi, in perfette condizioni di salute. Il neonato si chiama Nicolas ed è stato partorito nella struttura ospedaliera del Sant’Anna nel capoluogo piemontese. Una patologia che raramente colpisce l’occhio, tanto che, dai dati rilevati dagli esperti, solo allo 0,4% delle donne incinte viene diagnosticato un melanoma del genere.

Se non scoperto in tempo e di tipo maligno allo stato avanzato, può essere causa di nascita prematura e di basso peso del bimbo appena nato, ma anche di interessamento placentare e fetale con metastasi che possono portare gravi problemi di salute e compromettere addirittura la sopravvivenza del bebè.

Successivamente al riscontro di tale patologia, data l’impossibilità di utilizzare la chemioterapia per le notevoli dimensioni del tumore, è partita con estrema emergenza, una stretta collaborazione tra il Cto e il Sant’Anna e in tempi davvero brevi si è proceduto a eseguire l’intervento chirurgico in collaborazione con gli oculisti dell’Oftalmico che ha permesso il recupero morfologico dell’orbita, come riportato da Il Corriere della Sera. La gravidanza così non ha subito problemi ed è stata portata a termine in maniera del tutto naturale. La cosa più importante ed essenziale, è che il bimbo in nessun momento ha mai subito le ripercussioni dell’intervento a cui è stata sottoposta la mamma ed ora entrambi stanno bene e sono tenuti, per mera precauzione, sotto stretto controllo almeno per qualche giorno. Miracolo Divino o merito della scienza e di chi la mette in pratica, ciò che conta è il finale positivo della vicenda e noi non possiamo che dare il benvenuto ad una nuova e meravigliosa vita.

GVR

Fonte: Il Corriere della Sera