Home Cronaca Nessuna traccia da sabato, oggi la tragica svolta: Enrico era morto

Nessuna traccia da sabato, oggi la tragica svolta: Enrico era morto

CONDIVIDI

Si erano perse sabato mattina le tracce di Enrico Usai, 46enne veneto d’origine ma da tempo residente a Sarezzo, nel bresciano, dove è dipendente di una azienda. Ieri mattina, i militari dell’Arma dei Carabinieri che fanno capo alla Compagnia di Chiari hanno rintracciato la vettura a Sale Marasino. A quel punto, hanno iniziato a perlustrare l’area circostante, finché a un certo punto non hanno fatto la macabra scoperta. Il corpo di Enrico Usai era infatti in fondo a un canalone. L’uomo avrebbe dovuto presentarsi in Germania per lavoro lunedì ma non sarebbe mai partito. Era poi partita la denuncia ai carabinieri. Intorno alle 9.30 di oggi, la drammatica svolta: il cadavere di Enrico Usai è stato recuperato dagli uomini della protezione civile attorno alle 9.30 di mercoledì in fondo a un burrone. La prima ipotesi al vaglio è quella di una caduta accidentale nel corso di un’escursione di montagna.