Home Casi Troppo anziani per allevare una figlia? La vicenda dei genitori-nonni

Troppo anziani per allevare una figlia? La vicenda dei genitori-nonni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:14
CONDIVIDI

Troppo anziani per crescere una figlia. Luigi Deambrosis e Gabriella Carsano di Mirabello sono stati al centro di un controverso caso legato alla loro figlia, riportato dall’Agi.

Loro vogliono riavere la loro bambina, nata a Torino nel 2010 e dichiarata adottabile dalla Suprema Corte nel 2013. La loro “colpa” era di essere troppo anziani. Inoltre, pesa sui due coniugi l’abbandono in auto per pochi minuti della figlia, avvenuto il 28 giugno del 2010, vicenda per la quale è stato “definitivamente accertato che, invece, nessuno stato di pericolo fu provocato dall’episodio in questione”.

Infatti, accusati di trascuratezza, vennero prosciolti. Interviene ora il Pg della Cassazione in merito alla vicenda, chiedendo che la piccola torni a casa. Secondo il Pg della Cassazione Francesca Ceriani la bimba (nata nel 2010) “adottata non può ottenere tutela perché si tratta di una situazione la cui genesi non è legale”.

I figli non si tolgono neanche ai mafiosi” ha detto  il magistrato durante l’udienza, come riportato da Il Corriere della Sera. “Questi genitori hanno il pieno diritto alla tutela della loro famiglia e a vivere con la figlia per la quale stanno combattendo da sempre”.

Comunque vada a finire, saranno sicuramente anni in cui sia i coniugi sia la bambina saranno segnati. Una bimba tolta dai propri genitori, seppur anziani, sarà felice? Certo, i genitori adottivi sono quelli che conosce meglio, ma la vicenda è davvero molto triste.

GM

Fonti: Agi, Il Corriere della Sera

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]