Home Estera L’appello del Papa a Nonna Peppina: “Va a vivere da tua figlia!”

L’appello del Papa a Nonna Peppina: “Va a vivere da tua figlia!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:22
CONDIVIDI

“Ritengo necessario che tu lasci il container e vai da tua figlia”, questo il drammatico appello che Papa Francesco ha rivolto a Peppina Fattori, la 95enne di Fiastra finita sotto sfratto per alcune irregolarità nella costruzione di una casetta in legno, avvenuta dopo il terremoto, come riportato dall’Ansa. Dopo la decisione del Riesame, l’anziana si è trasferita nel container adiacente alla struttura posta sotto sequestro, grande appena 15 metri quadri. La lettera del Papa è stata resa pubblica da Gabriella, una delle due figlie di Peppina Fattori, al ‘Resto del Carlino‘: “Mia madre ha preso incredula la foto con il messaggio, ha baciato l’immagine del Pontefice, mentre le sue guance si bagnavano di tante lacrime. Era molto emozionata. Ha tenuto in mano quella pergamena, leggendo il messaggio di papa Francesco per lei”.

Era stata proprio lei a scrivere al Pontefice: “Le scrivo perché so quanto abbia caro il tema delle periferie, quanto per lei, Santità, siano prioritarie le istanze degli ultimi, dei poveri. Io non sono povera, ho una bella famiglia, una casa, un lavoro, ma ora sono costretta a confrontarmi con quella periferia dell’Italia devastata dai terremoti, con una croce sulle spalle che da sola non riesco più a sostenere. Peppina è stata sfrattata dalla casetta di legno che noi figlie le abbiamo costruito per accontentare il suo struggente desiderio di concludere il cammino terreno vicino alla casa dove ha vissuto per 75 anni, distrutta dal terremoto.  Sono certa che la sua preghiera toccherà i cuori e illuminerà le menti di coloro che hanno la facoltà di risolvere quello che non è solo un mio problema, ma di tanti altri terremotati”.

GM

Fonti: Ansa, Il Resto del Carlino

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]