Crema Solare: ecco perché non la devi fare da solo

0
34
Fonti ed evidenze: Green me

E’ altamente sconsigliato autoprodursi una crema solare ed esporsi al sole: vediamo insieme le possibili conseguenze.

Negli ultimi anni, moltissime persone hanno sviluppato una vera e propria passione per i prodotti estetici e di cosmesi fatti in casa. Youtube, Instagram e Pinterest offrono una grandissima varietà di tutorial relativi alla realizzazione di maschere, shampoo, creme per la pelle – le quali sfruttano l’azione di elementi totalmente naturali. Tuttavia, i prodotti homemade celano un problema da non sottovalutare: non sono testati nei laboratori di ricerca.

Crema solare (Pexels)
Crema solare (Pexels)

Questo significa che – fondamentalmente – non si conosce l’effettiva efficacia dei prodotti che ci divertiamo a “creare” comodamente nella nostra dimora. Nel caso di alcuni, non si incorre a nessun rischio particolare; il discorso tuttavia è diverso se si fa riferimento ad esempio alla crema solare. Il principale obiettivo di quest’ultima risiede nella protezione della pelle dai raggi UVB e UVA – ma come facciamo a conoscere il reale livello di protezione, se non con un vero e proprio test? Approfondiamo insieme l’argomento nel prossimo paragrafo.

Crema solare homemade? Altamente sconsigliata

La crema solare non è un semplice prodotto estetico, si tratta di un elemento fondamentale per la nostra routine estiva. I raggi del sole infatti risultano altamente dannosi per la nostra salute, in quanto un’esposizione prolungata comporta ad un assorbimento di raggi UVB e UVA, potenzialmente cancerogeni. Di conseguenza, è altamente sconsigliato pensare di realizzare una crema solare fatta in casa, in quanto risulta inevitabilmente impossibile conoscere l’effettiva potenza di protezione.

Crema solare (Pexels)
Crema solare (Pexels)

E’ vero che la crema solare contiene oli, burri e prodotti essenziali di idratazione della pelle, ma essa contiene anche dei filtri solari. Questi ultimi possono essere fisici oppure chimici: i primi riflettono la luce solare, impedendo un assorbimento invasivo nella pelle; i secondi trasformano i raggi in semplici fasci di luce, fondamentalmente innocui. In particolare, la crema solare ci fornisce un vero e proprio scudo dai raggi UVB e UVA. Per essere chiari: i primi causano gli eritemi, mentre i secondo provocano ustioni e macchie della pelle.

La crema solare va quindi acquistata nei negozi oppure nelle farmacie, ove la confezione ci permette di capire il reale livello di protezione della nostra pelle. A maggior ragione, per tutti i soggetti che possiedono una carnagione particolarmente chiara, l’utilizzo di prodotti fatti in casa è altamente sconsigliato. Ricordatevi inoltre di evitare l’esposizione nelle ore più calde, in particolare dalle 11.00 alle 16.00. Per avere la certezza di scegliere il prodotto adeguato alle vostra giornate in spiaggia, chiedete consiglio al vostro dermatologo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui