“Se l’Italia vince, potete festeggiare ma con la mascherina” dice il Ministero

0
87
Fonti ed evidenze: Ministero della Salute, Giornale, Resto del Carlino

Manca poco alla tanto attesa finale degli Europei 2021. Gli italiani verranno accolti in Inghilterra ma con parecchie limitazioni e gli esperti ritengono d’obbligo la mascherina anche durante gli eventuali festeggiamenti post partita.

europei finale mascherina
Getty Immages/Andreas Solaro

Il Ministero della Salute informa che nelle ultime ventiquattro ore i casi totali sono saliti di 1390 unità e portano il totale a 4.268.491. Da ieri 25 morti che fanno salire le vittime a 127.756 e 1434 guariti che raggiungono quota 4.099.339. Totale persone vaccinate: 22.481.441.

I casi attualmente positivi scendono a 41.396, -73 rispetto a ieri. I ricoverati sono 1167, -30 mente in terapia intensiva 169 assistiti, -11 da ieri.

Finale europei: si festeggia con la mascherina

Da qualche giorno – nonostante la costante decrescita di ricoveri e attualmente positivi – il totale dei casi ha ricominciato a puntare verso l’alto. E oggi anche i decessi hanno fatto un balzo in avanti rispetto ai giorni precedenti.  Sull’ascesa conta moltissimo la variante Delta che, al momento, è ciò che preoccupa maggiormente medici e politici. Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità questa mutazione del Coronavirus raggiungerà il 90% entro agosto: prospettive che fanno tremare. Anche perché l’aumento di casi di variante Delta sta avvenendo in concomitanza con un altro grande evento: la finale degli Europei 2021. Domenica saranno in tanti gli italiani che voleranno in Inghilterra per il match conclusivo. La paura è che, sia durante la partita sia nel corso di eventuali festeggiamenti in caso di vittoria, ci si lasci un po’ troppo andare dimenticandosi che il Covid non è ancora sparito. La raccomandazione degli esperti pertanto è: festeggiare ma con moderazione.

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri si è concentrato, soprattutto, sull’importanza di indossare la mascherina anche se ci si trova in uno stadio e, dunque, all’aperto: “Si può festeggiare anche in forma più contenuta. Quando si dice via la mascherina all’aperto, s’intende dove non ci sono assembramenti. Bisogna stare attenti dove ci sono molti giovani che sono non vaccinati“. Parole che trovano supporto nel presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Franco Locatelli. Anche per Locatelli gli eventuali – e tanto sperati – festeggiamenti dovranno essere all’insegna della prudenza e della moderazione: “Si potrà stare nelle strade per festeggiare ma mantenendo il distanziamento e indossando la mascherina”.

Non meno preoccupata la dottoressa Raffaella Angelini, direttrice della Sanità pubblica dell’Ausl Romagna. Angelini prospetta un concreto rischio di risalita dei contagi dopo la finale degli Europei. Il suo timore non è tanto ciò che avverrà nello stadio inglese di Wembley quanto ciò che potrebbe avvenire in Italia con tifosi radunati nei bar, nei ristoranti o nelle case davanti ai televisori. Angelini, pertanto consiglia: “Dire di non festeggiare sarebbe assurdo ma restano sempre le regole: mascherina e distanziamento. Urlando poi si emettono goccioline anche a distanza“. E c’è poi chi ha optato per la massima prudenza possibile: i giapponesi. Gli spalti di Tokyo in occasione delle Olimpiadi saranno vuoti. Le gare del 2021 saranno senza tifosi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui