Messina: 24 migranti in fuga dopo una rivolta nel Centro di accoglienza

0
2

Nel Cpa di Bisconte, dopo una rivolta che ha causato il ferimento di un agente della Gdf, 24 migranti sono scappati facendo perdere le loro traccie. La Prefettura assicura che era tutti risultati negativi ai test Covid. 

Messina: dopo una rivolta, fuga di 24 migranti dal Centro di accoglienza - Leggilo.org

Nella notte di mercoledì 15, 24 migranti – che al momento si trovavano in quarantena precauzionale – sono riusciti a scappare dal Centro di prima accoglienza del rione di Bisconte, a Messina. Come spiega Rainews, tutto è iniziato da una rivolta scoppiata all’interno della struttura, con lanci di oggetti da parte dei migranti; un agente della Guardia di Finanza è rimasto ferito ad una gamba, ma le sue condizioni, fanno sapere i vertici delle Fiamme Gialle, non destano preoccupazione. Approfittando della confusione venutasi a creare, 24 migranti sono riusciti ad aprire un varco nella rete di recinzione che circonda il Cpa, e da lì a scappare nei campi circostanti. Alcuni di questi migranti sono stati rintracciati dalle Forze dell’Ordine, mentre della maggioranza – circa una ventina di loro- si sono perse le tracce. Tutti gli ospiti della struttura erano sottoposti ad isolamento obbligatorio precauzionale.

Come aggiunge Il Corriere della Sera, la Senatrice messinese del Movimento 5 Stelle, Grazia D’Angelo, ha dichiarato che il Prefetto della città siciliana, Maria Carmela Librizzi, ha assicurato che i migranti fuggiti erano risultati negativi ai test Covid, e che la struttura sarà sottoposta ad un più ampio controllo da parte delle forze dell’ordine, probabilmente con l’invio anche di militari nella zona. La Deputata di Forza Italia, Matilde Siracusano, anch’ella messinese, ha invece puntato il dito contro le carenze della struttura, non adatta – in un periodo così delicato – ad ospitare un gran numero di migranti: “Questo hotspot già in passato era stato interessato da vicende simili. I tentativi di fuga dei migranti sono costanti e addirittura avvengono attraverso le case private adiacenti al centro”. L’esponente azzurro ha chiesto al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese di intervenire al più presto sulla questione, dal momento che la notizia della fuga di diversi migranti ha scatenato panico in città. L’allarme resta alto su tutto il territorio nazionale, dopo che 42 migranti sono risultati positivi presso l’hub di Jesolo, e altri 14 presso le strutture di Pozzallo.

 

Fonte: Rainews, Il Corriere della Sera

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui