Home Cronaca Il Natale secondo Saviano: “Maria sentiva il peso di una responsabilità troppo...

Il Natale secondo Saviano: “Maria sentiva il peso di una responsabilità troppo grande”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:04
CONDIVIDI

In occasione del Santo Natale lo scrittore e giornalista Roberto Saviano ha scritto i suoi auguri su Facebook. Ma il testo e l’immagine da lui postati sono risultati sgraditi a molti credenti.

 

Una Maria nel pieno del parto, che grida mentre concepisce il figlio. L’immagine è nuda e cruda. Quella che per i credenti è la Madre di Dio viene rappresentata a gambe divaricate, nel momento culminante del parto, nell’ultima contrazione, quando il bambino viene espulso dal corpo. E’ il Natale secondo Roberto Saviano. In occasione della festa che celebra la nascita di Gesù Cristo, lo scrittore e giornalista Roberto Saviano ha voluto mandare i suoi auguri alla comunità dei credenti. Tuttavia –  commenta Il Giornale – il messaggio augurale di Saviano è risultato offensivo e sgradevole per molti. Infatti lo scrittore ha cercato di umanizzare qualcosa che, per i credenti, non può essere razionalizzato: la nascita del figlio di Dio dal grembo di una vergine concepita senza peccato. Saviano ha sottolineato la confusione di Maria e Giuseppe di fronte alla nascita di un figlio. Li ha assimilati, insomma, a molte giovani coppie che si sentono smarriti e abbandonati. E ha messo il figlio di Dio sullo stesso piano di un bambino mortale, di un essere umano. Il tutto è stato accompagnato, sulla pagina Facebook dello scrittore, da un’immagine molto cruda che raffigurava la Vergine Maria nell’atto di partorire un neonato pieno di sangue. Il post di Roberto Saviano parlava di: “Una madre investita di una responsabilità troppo grande, come tutte le madri. Un padre incerto e spaventato, come tutti i padri. Gesù che come tutti viene scaraventato nella vita senza chiederlo.” E fa menzione ad un bambino che nasce povero ed è costretto ad un lungo viaggio reso ancor più difficile da una burocrazia macchinosa.  A molti è sembrato di scorgere un parallelismo tra Gesù, figlio di Dio, e i bambini dei migranti che vengono alla luce durante le traversate in mare. Un’interpretazione molto personale della religione Cristiana quella di Roberto Saviano. Che potrebbe essere rispettabile se non l’avesse manifestata su una pagina social seguita da milioni di persone, tra cui moltissimi credenti che si sono sentiti offesi nel profondo. Infatti sono subito intervenuti in molti, credenti e non, per commentare il post dello scrittore. Alcuni erano fan da tempo di Saviano e hanno manifestato la loro delusione e il loro rammarico per così poco riguardo verso la loro fede. Per il momento Roberto Saviano non è ancora intervenuto, né sui social né altrove, per scusarsi con i suoi follower e con i credenti che non hanno gradito il suo messaggio di auguri ritenendolo, invece, dissacrante. Tuttavia lo scrittore ha dotato la foto che raffigura il parto della Madonna dell’opzione tale per cui, chi lo preferisce, può oscurarla per non sentirsi urtato.

Stanotte la nascita di un bambino, nato tra contrazioni, dolori e sangue, come tutti. Da una madre carica di una responsabilità troppo grande, come tutte le madri. Con un padre spaventato, incerto su ciò che è giusto fare, come tutti i padri. Nato povero, in una famiglia costretta dalla burocrazia del censimento a un viaggio sfiancante.
Celebro la nascita del Gesù uomo che, come tutti, viene scaraventato senza chiederlo nella vita e che, a guardarlo così, mi fa sentire meno solo.
Buon Natale!

saviano auguri natale foto

Pic. @natalielennard

Fonte: Il Giornale, Roberto Saviano Facebook.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]