Home Politica Comunali, la Sinistra perde Forlì e Ferrara, dopo 70 anni

Comunali, la Sinistra perde Forlì e Ferrara, dopo 70 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:08
CONDIVIDI

Il Centrodestra stravince a Pavia, Pescara, Vibo Valentia, Ferrara, Vercelli, Forlì e Biella. I risultati delle elezioni comunali hanno visto trionfante il partito di Salvini e la destra in 7 comuni, mentre il PD segue con Prato, Cremona, Cesena, Reggio Emilia e Verbania. Il M5S prende solo Campobasso. 

Comunali il PD dice di aver vinto - Leggilo

Alan Fabbri, esponente del partito di Matteo Salvini, ha stravinto alle comunali a Ferrara, come informa Sytg24. Un risultato storico che segna il passaggio della città a destra, dopo 70 anni di SinistraCon  una percentuale di 56,77% di voti, Fabbri porta alto il nome del partito di Salvini, uscito già vincente alle Europee e che continua ad ottenere consensi anche a livello comunale.

 

L’avversario Aldo Modonesi, invece, si è fermato al 43,23%. “Straordinarie vittorie della Lega ai ballottaggi, abbiamo eletto Sindaci dove governava la sinistra da settant’anni”, esulta il Vicepremier sul suo profilo Twitter. Segue l’esempio di Ferrara anche Forlì, dove dopo 50 anni di Sindaci di Sinistra, ha vinto Gian Luca Zattini, del Centrodestra, con il 53,07% dei consensi, contro il centrosinistra di Giorgio Calderoni, al 46,93%. Ma non finisce qui. A Vercelli, Andrea Corsaro ha battuto con il 54,80% dei consensi l’avversaria Maura Forte, ferma al 45,20%. Claudio Corradino, leghista, ha stravinto a Biella con il 50,93% dei consensi.  Questi ultimi due comuni hanno segnato un cambio di rotta verso il Centrodestra, che ha trovato invece conferma anche a Foggia, con Franco Landella; ad Ascolti Piceno con Marco Fioravanti; e a Potenza con Mario Guarente.

Quella di Fabbri resta la conquista più eclatante per il partito leghista che fa esultare il Ministro dell’Interno. Un po’ meno può dirsi contento il Partito democratico, che ha perso due roccaforti storiche. Il PD si conferma, riporta AGI, a Reggio Emilia, Cesena, Livorno, Cremona, Prato, e Rovigo. Campobasso, invece, resta ai Cinque Stelle. Nicola Zingaretti, su Twitter, si dice soddisfatto e parla dell’esistenza di un’alternativa a Salvini:

Quanto al Centrosinistra, invece, a Livorno, dopo 5 anni di M5S ha vinto il candidato democratico Luca Salvetti, con il 60% dei voti. A Prato il democratico Matteo Biffoni è stato riconfermato con il 56,12% dei voti, così come a Reggio Emilia Luca Vecchi, con il 63,61% dei consensi. A Cremona, Gianluca Galimberti ha battuto con il 55,94% dei voti l’avversario Salvatore Carlo Malvezzi e a Verbania ha vinto Silvia Marchionini, con il 50,62%. A Rovigo Edoardo Gaffeo ha battuto Monica Gambardella, la sfidante della Lega, con il 50,94% dei voti. Infine a Cesena, Enzo Lattuca è stato eletto con il 55,74% dei voti. Dunque sono due i comuni riconfermati e 5 quelli che hanno cambiato rotta, ma il dato di Ferrara resta comunque quello più eclatante.

Quanto il M5S, i pentastellati hanno tenuto solo Campobasso,  dove Roberto Gravina ha ottenuto il 69,07% dei consensi contro Maria Domenica D’Alessandro della Lega, fermo al 30,93%. Avellino, fino ad oggi guidata dal Movimento, ha visto trionfare Gianluca Festa, sostenuto da liste civiche di area progressista, che ha battuto il candidato ufficiale del PD.

Fonti: SkyTg24, Agi, Facebook Nicola Zingaretti, Facebook Matteo Salvini

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]