Home Politica Estera L’elemosiniere del Papa viola i sigilli della cabina: Acea presente una denuncia

L’elemosiniere del Papa viola i sigilli della cabina: Acea presente una denuncia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:39
CONDIVIDI

Acea ha presentato un esposto per denunciare il gesto di Konrad Krajewski, l’elemosiniere di Papa Francesco che ha violato sigilli della cabina elettrica di media tensione per riattaccare la luce agli inquilini del palazzo di Via Santa Croce in Gerusalemme.  

Acea denuncia il gesto dell'elemosiniere del Papa - Leggilo

Guai per Konrad Krajewski, l’elemosiniere di Papa Francesco che ha riattaccato la luce nel palazzo di Via Santa Croce in Gerusalemme, nel centro di Roma, occupato da 450 persone che avevano un debito di circa 300.000 euro con la società che gestisce l’energia elettrica. Un gesto, quello del cardinale, appoggiato dal Vaticano ma criticato dal Vicepremier Matteo Salvini, che si è chiesto chi si farà carico di quegli arretrati non versati dagli inquilini. “Ha riattaccato la luce? Ora paghi anche le bollette”, ha detto il Ministro dell’Interno. Bollette che verranno pagate, assicura Krajewski. “Pagherò io le bollette. Anzi, se vuole pagherò anche le sue”, ha risposto il cardinale, polacco, di 55 anni, da tempo impegnato in attività di donazioni e aiuto agli ultimi.

Di fatto, però, l’essersi calato nel tombino dov’era allacciata l’energia elettrica e l’aver staccato i sigilli porterà delle conseguenze al pupillo del Papa. Infatti, Areti S.p.a, la società di distribuzione del Gruppo Acea, ha presentato alle Forze dell’ordine un esposto contro ignoti per violazione dei sigilli della cabina elettrica di media tensione, come riportato da Prima Press. Un atto dovuto, commenta Acea. Del resto l’Areti era stata obbligata ad interrompere la fornitura su incarico del gruppo Hera, cui fa capo il contratto del palazzo. 

Intanto, molto sostegno da parte degli inquilini è arrivato al cardinale Konrad, pronti ad autodenunciarsi in sostegno del grande gesto di umanità. Adriano Cava, presidente di “Spine Time Labs”, il centro culturale che gestisce le attività nel palazzo occupato, ha parlato di una grande riconoscenza nei confronti dell’elemosiniere Krajewski. Attesa per oggi un’assemblea pubblica per fare il punto di quanto accaduto.

Fonte: Prima Press

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]