Home Politica Estera La Francia all’Italia: “Fermeremo la lebbra nazionalista”

La Francia all’Italia: “Fermeremo la lebbra nazionalista”

CONDIVIDI

 

Il clima tra Francia e Italia si surriscalda con le nuove dichiarazioni di Griveaux, che puntualizza le scelte sbagliate di Di Maio nei confronti della Francia e il motivo del ritiro dell’ambasciatore.

Crisi Francia Italia: "Fermeremo la lebbra"

 

Il dibattito tra Italia e Francia sulla questione Gilet gialli è più che mai avviato, anzi prosegue imperterrito. Benjamin Griveaux portavoce del presidente francese Emmanuel Macron non si esime dal dire la sua ai microfoni di Europe 1:

Quando un ministro di un Paese straniero si reca in Francia, per incontrare i Gilet gialli, la cortesia e la diplomazia vorrebbero che si avvertisse il Governo”.

L’accusa è evidentemente rivolta al vicepremier Luigi Di Maio che, oltre ad aver abbracciato pubblicamente la causa dei Gilet gialli, li ha anche incontrati qualche giorno fa all’insaputa di Macron. Proprio da questa mancata attenzione sarebbe sorta la decisione da parte della Francia di richiamare in patria il suo ambasciatore, con l’intento di lanciare all’Italia un segnale più forte.

Le parole di Griveaux diventano pungenti e, scagliandosi contro la “lebbra nazionalista” e i populisti, ricorda a Di Maio e Salvini che le loro battute su Macron non hanno di certo evitato all’Italia la recessione.

Le battute di Luigi Di maio e Matteo Salvini sulla Francia non hanno evitato all’Italia di entrare in recessione” “Cortesia istituzionale vuole che si avverta il governo locale, quando si va in un paese vicino“. Il portavoce nega qualsiasi provocazione da parte dell’Eliseo e, anzi, ribadisce: “Dal Presidente francese, Emmanuel Macron non e mai arrivato un attacco frontale“. Sul richiamo dell’ambasciatore sottolinea:
Questa situazione di certo non è permanente ma era importante dare un segnale...” Ma la frase più dura è quella in cui riprende un concetto già espresso dallo stesso Macron la scorsa estate, con un chiaro riferimento al Governo italiano: “Se si vuol fare indietreggiare la lebbra nazionalista, se si vuole fare indietreggiare i populisti, se si vuol fare indietreggiare la sfida all’Europa, il modo migliore è di comportarsi bene con i propri partner“.

Il diverbio è più acceso che e le opposizioniin Italia sembrano sostenere Macron: PD, Matteo Renzi e Silvio Berlusconi prendono le distanze dall’atteggiamento assunto dal nuovo governo nei confronti di Macron, Inviando parole di amicizia che legherezza da sempre alla Francia.

Di Maio invece fa sapere attraverso Le Monde di aver voluto con questo incontro ascoltare una voce importante della Francia, una delle forze politiche del paese. Tutto ciò  non comprometterebbe in alcun modo i buoni rapporti che da sempre intercorrono tra i due Paesi.

Da Oltralpe intanto arrivano altre novità che riguardano il dossier immigrazione: la Francia dice noi ai migranti della Sea Watch: si apriranno le porte solo a coloro che necessitano di protezione. Anche questa decisione, insapettata, non contribuisce ad allentate la tensione tra i due Paesi

Se di fatto lo scontro diplomatico è ormai in atto, non ci resta che capire se sarà sedato da una delle due parti o rafforzato dalle reciproche divergenze.

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org