Salvini indagato, Silvio Berlusconi:”Interferenza assurda” Giorgia Meloni: “Scandaloso e sovversivo”

0
95

La sortita sopra le righe e fuori di testa dell’azzurro Gianfranco Miccichè, Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, che solo poche ore fa ha definito il Ministro dell’Interno: “Uno stronzo, un sadico” poteva lasciar presagire silenzio o indifferenza da parte del Centrodestra su quello che stava per accadere. Qualcosa che Miccichè, numero uno di Forza Italia in Sicilia sapeva,  o immaginava. Per questo ha preso coraggio senza cadere in quell’antica debolezza che il Movimento Cinque Stelle gli ha rinfacciato. No, non ha avuto bisogno di cocaina Miccichè per prendere coraggio e fare la personcina educata alla Saviano. Perchè il copione di Salvini indagato era già scritto. E lui ha avuto la bella idea di insultarlo. Così è la politica, nella testa di Miccichè. Ma, a conti fatti, almeno in questo frangente, la sua sortita è stato un episodio isolato in quello che fu il Centrodestra.

Su Matteo Salvini indagato, nonostante le distanze degli ultimi tempi, ha voluto dire la sua il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi: “Esprimo la mia vicinanza a Matteo Salvini la cui assurda ed inconsistente vicenda giudiziaria non potrà che avere un esito a lui favorevole. Ancora una volta l’autorità giudiziaria è intervenuta su una vicenda esclusivamente politica su cui non dovrebbe minimamente interferire”. Così riporta Adnkronos.

Scandaloso e sovversivo indagare un ministro che cerca di fermare l’invasione di clandestini, come chiesto a gran voce dai cittadini italiani nelle ultime elezioni politiche, per costringerlo invece a far sbarcare gli immigrati e a non cambiare nulla“, ha detto la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. “Ancora più scandaloso – ha aggiunto, come riportato dal suo sito se si tiene conto che mai nessun magistrato ha pensato di indagare il precede governo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, pur essendoci tutti i presupposti. Nessuno creda di potersi porre al di sopra della volontà popolare e di piegare la nostra democrazia alla propria ideologia. Fratelli d’Italia esprime la sua solidarietà a Salvini e chiede al Ministro della Giustizia e al Presidente della Repubblica di intervenire immediatamente per censurare questo gravissimo atto. E ci aspettiamo una parola di sdegno anche da quella parte significativa della magistratura non obnubilata dal furore ideologico“.

Gianfranco Miccichè: “Salvini non è razzista, è stronzo”. Il PD condivide il post

Se una scelta politica non piace ad un cittadino, questi puo’ reagire con il suo voto o al massimo candidandosi alle elezioni. Se non piace ad un magistrato, o ad un gruppo di magistrati, questi individuano una eclatante ipotesi di reato, la contestano, guadagnano i titoli dei giornali, e quando, dopo mesi o anni, tutto evapora, e il caso viene archiviato, non rispondono dei loro atti“. Ha dichiarato Enrico Costa, capogruppo di Forza Italia in Commissione Giustizia alla Camera dei Deputati. “Quello che accade in questi giorni – ha aggiunto – è un copione già visto tante volte in questi anni, che però ha avuto sempre il Movimento 5Stelle come supporter plaudente“.
Dopo decenni di uso politico della giustizia ne sa qualcosa il nostro presidente Berlusconi – è vergognoso che certa magistratura continui a voler influenzare le vicende politiche prendendo uno spazio che non le è proprio. Massima solidarietà al vicepremier Salvini: le posizioni politiche si discutono in parlamento e il popolo le conferma o le boccia attraverso il voto popolare, non si sanzionano in una aula di tribunale o peggio ancora preventivamente sui giornali“. Lo ha affermato in una nota Claudia Porchietto, deputata di Forza Italia.

Da Forza Italia è arrivata anche la solidarietà del Governatore della Liguria, Giovanni Toti: “C’è chi difende l’Europa che non ci ha mai aiutato a gestire l’immigrazione sulle nostre coste – ha detto – C’è chi prova a ristabilire un pò di equilibrio e di equità nell’accoglimento dei migranti. E c’è chi indaga chi ci prova. Solidarietà all’amico Salvini. Se esiste un reato di opinione, mi sento indagato con lui. Non resta che una strada di fronte a tutto ciò: il Governo ordini il blocco navale in Libia“.

Maria Elena e Matteo: “Siete senza vergogna e senza dignità”

Fonti: Adnkronos, GiorgiaMeloni.it, Facebook Giovanni Toti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui