Home Politica “Ho desiderato morisse un bambino sulla nave Aquarius. così cadeva il Governo”

“Ho desiderato morisse un bambino sulla nave Aquarius. così cadeva il Governo”

CONDIVIDI

«Ho desiderato che morisse qualcuno sulla nave Aquarius. Ho detto: adesso, se muore un bambino, io voglio vedere che cosa succede per il nostro governo». Parole scandite con calma, senza livore ma frutto di un ragionamento politico “estremo” . Spno parole pronunciate pubblicamente da uno dei più importanti intellettuali italiani: Edoardo Albinati.

Albinati, le parlole sull'Aquarius hanno fatto scalporeScrittore, saggista, Albinati viene definito figura di punta dell’intellighenzia di sinistra. La frase di Albinati è stata raccolta il 12 Giugno durante un suo intervento alla libreria Red-Feltrinelli di Milano. Lo scrittore stava presentando il libro sul Niger scritto insieme alla sua compagna Francesca D’Aloja.
La registrazione è stata pubblicata ieri sul sito di Radio Padania perché tra il pubblico c’era Giulio Cainarca uno dei giornalisti dell’emittente leghista; è lui ad aver registrato l’intervento audio di Albinati ed è lui che ha deciso di renderlo pubblico. Albinati è stato un vincitore del Premio Strega, ha scritto per il Corriere della Sera, per Repubblica; ha lavorato in Afghanistan e in Ciad con l’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati; il libro che presentava è un diario di viaggio compiuto proprio sotto il patrocinio delle Nazionni Unite, per testimoniare le sofferenze dei migranti.

L’audio è stato riprpoposto sull’account Twitter di Salvini e lascia esterfatti.