Home Spettacolo e Gossip Truccatrice Rai a Luxuria: “Si deve sentire donna come me?”

Truccatrice Rai a Luxuria: “Si deve sentire donna come me?”

CONDIVIDI

Una frase terribile perchè spontanea, detta credendo di non essere sentita. E per questo ha fatto ancora più male a Vladimr Luxuria, al secolo Wladimiro Guadagno, da sempre in lotta perchè la sua indole sia compresa e accettata da tutti, senza resistenze o rifiuti di sorta. E questo obiettivo è stato spesso raggiunto: dal “lei” con cui ci si riferisce alla sua persona, all’esperienza in Parlamento, dove ha usufruito dei bagni per le donne, agli scatti sorridenti con Francesca Pascale e Silvio Berlusconi. Ma non tutti la pensano allo stesso modo. Non tutti, osservando Luxuria hanno la percezione di avere davanti una donna. C’è chi ha la sensazione invincibile, a dispetto del politicamente corretto, di avere dinanzi, più semplicemente un uomo in abiti femminili.

Luxuria, Francesca e Silvio

 

Eppure era sembrato un inzio estate piacevole per Luxuria, un’estate inziata in anticipo e mostrata in un post su Instagram, dove una sua foto in costune era corredata da questa frase: “Primo bagno della stagione a #torredellorso #puglia dove qualcuno vorrebbe trivellare: avrei un posto da suggerire dove ficcarvi le vostre trivelle. #notap

Luxuria, estate su instagram

Non tutto è proseguito così serenamente. Oggi l’ex parlamentare ha ascoltato, suo malgrado, il commento di una truccatrice in Rai che, non accorgendosi della sua presenza, avrebbe commentato in sala trucco: “Guarda chi c’è oggi Luxuria, quel f… ma che si deve sentire donna come me?”. A raccontare il fatto lo stesso Vladimir Luxuria ospite la mattina del 14 giugno alla trasmissione Rai Quelle brave ragazze.

Mi sono sentita insultata e discriminata da una persona che in quel momento rappresentava l’azienda – dice Luxuria – Pur avendo immediatamente ricevuto la solidarietà degli autori del programma e dei presenti, vorrei che in futuro non ci siano altri episodi simili. Vorrei che la Rai prendesse una posizione contro ogni tipo di linguaggio discriminatorio e contro questo episodio sgradevole”.

Una ferita che si riapre. Recentemente Wladimiro aveve condiviso sui suoi social una foto risalente a un’aggressione risalente a diversi anni fa: “Oggi ho deciso di mostrarvi una foto di quando avevo venti anni, subito dopo le botte che presi da un gruppo di ragazzi in metropolitana mentre mi urlavano insulti. Mi fecero male i cazzotti e anche l’indifferenza della gente che continuava a guardare altrove come se non stesse accadendo nulla. Non mi vergogno di mostrarvi la barba e i lividi che avevo allora… li ho superati entrambi…

Luxuria, la foto dopo i bulli