Home Casi Pamela: “Non sappiamo di chi sono”. Due nigeriani presto possono essere rimessi...

Pamela: “Non sappiamo di chi sono”. Due nigeriani presto possono essere rimessi in libertà

CONDIVIDI

pamelaUn omicidio, quello della 18enne romana Pamela Mastropietro a Macerata, che rimane inspiegabile nel movente e, ora, nella dinamica. Sarebbero state riscontrate con certezza solo le impronte di Innocent Oseghale, 29 anni, nigeriano, detenuto ad Ascoli, una delle persone arrestae per l’orrore accaduto all’internodell’appartamento mansardato di via Spalato 124 dove la ragazzavenne uccisa e smembrata il 30 gennaio scorso. A rivelarlo è la perizia del Ris depositata ieri in Procura. I rilievi del’Arman on avrebbero riscontrato tracce degli altri due fermati -Desmond Lucky, 22 anni, e Lucky Awelima, 28 anni – che sono incarcere ad Ancona per le stesse accuse di Oseghale. Nell’inchiesta è indagato un quarto nigeriano. Resta il giallo su altre impronte trovate nella casa e non corrispondenti agliindagati. Il 6 aprile a Roma i Ris inizieranno un altro accertamento irripetibile su una scatola di guanti in latticesequestrata: gli inquirenti, che pongono gli indagati sul luogodel delitto in base alla tracciatura dei telefoni, cercano chipotrebbe aver toccato la scatola prima di smembrare il corpo.

Intanto sulla vicenda è intervenuto lo zio della ragazza l’avvocato Marco Verni con un post su Fb

Sono avvocato e consigliere delle forze armate. Mi sono formato con loro, ai massimi livelli, ed oggi ho spesso il privilegio di formare io loro, per quel di mia competenza. Le nostre forze di polizia, se vogliono, sono tra le migliori al mondo, per cui dico, a chi ha barbaramente ucciso mia nipote: potete cambiare la vostra ridicola versione dei fatti, che io, passo passo, vi smonterò in tribunale, potrete trovare l’appoggio ipocritamente compassionevole di qualche politicante di turno, magari potrete anche pensare di farla franca, ipotizzando di prendervi gioco dello Stato italiano. Ma ricordate, non esistono delitti perfetti, ma solo investigatori distratti. Io non vi lascerò tregua – promette Verni -. Con me lo staff del mio studio accanto agli inquirenti. Preparatevi a marcire nelle nostre patrie galere“.