Home Cronaca Bambina di 9 anni racconta tutto ai Carabinieri, genitori arrestati

Bambina di 9 anni racconta tutto ai Carabinieri, genitori arrestati

CONDIVIDI
bambina
(Websource/archivio)

“La bambina ci ha fatto guadagnare 25 euro”. E il padre: “Brave,così si fa”. Dalla Sicilia una storia atroce di degrado: due genitori facevano prostituire la figlia di nove anni: i fatti si sono svolti in un paese del palermitano. Con loro sono stati arrestati i due uomini con cui la bambina avrebbe avuto rapporti sessuali a pagamento. La piccola è stata allontanata dalla casa dei genitori e affidata ad una casa famigli. Le indagini, condotte dai Carabinieri della Compagnia di Partinico hanno delineato un quadro accusatorio netto, basato anche sui racconti delle piccola che sono stati ritenuti pienamente attendibili. L’inchiesta è iniziata dopo la denuncia di un uomo che ha visto in aperta campagna la piccola appartarsi con uno dei due indagati e compiere per due volte atti sessuali. Secondo il testimone alla scena avrebbe assistito il padre della bambina. Dalle indagini è emerso che anche la madre organizzava gli incontri a pagamento che alcune volte avvenivano nell’abitazione della coppia. La bambina, ascoltata con l’aiuto di esperti di psicologia infantile, ha raccontato tutto agli investigatori: ha detto che per ogni prestazione sessuale veniva pagata 25 euro.   Per i 4 indagati il gip ha disposto i domiciliari.con l’accusa di violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione minorile sono stati arrestati dai carabinieri il padre e la madre della piccola vittima.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org