Home Opinioni Francesco Monte e la marijuana: rischia la galera

Francesco Monte e la marijuana: rischia la galera

CONDIVIDI

francesco monteLa situazione che inizialmente la produzione Mediaset voleva far passare sotto silenzio rischia ora di esplodere e diventare ben più grande dei confini di un programma televisivo italiano. Infatti, al di là di quello che deciderà la produzione dell’Isola dei Famosi in merito ad un’eventuale espulsione di Francesco Monte, accusato di aver portato e utilizzato marijuana sull’isola, ora si rischia che la vicenda entri nelle violazioni del codice penale.

Infatti il Moige, Movimento italiano genitori, ha sporto denuncia presso l’ambasciata dell’Honduras in Italia facendo riferimento al fatto che in base alle leggi honduregne, il possesso e la coltivazione della cannabis (oltre che il consumo) sono reati gravissimi e pertanto punibili a norma di legge. Ecco il comunicato del Moige pubblicato sulla loro pagina Facebook: “Continuiamo a monitorare la programmazione televisiva, denunciando la tv violenta e volgare, a protezione dei bambini e ragazzi. Nella puntata dell’Isola dei Famosi, in onda il 29 gennaio su Canale 5 dall’Honduras, paese dell’America Latina, abbiamo assistito ad un episodio gravissimo. Oltre all’inqualificabile indecenza e volgarità che, da anni, caratterizza la trasmissione si è arrivati a promuovere l’illegalità con il presunto possesso e utilizzo di droga da parte di uno dei partecipanti. Abbiamo prontamente denunciato l’accaduto all’Ambasciata Honduregna a Roma e continueremo a monitorare la situazione”.

F.B.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org