Home Politica Gnocchi insiste: “Petacci è solo un nome, non chiedo scusa di nulla”

Gnocchi insiste: “Petacci è solo un nome, non chiedo scusa di nulla”

CONDIVIDI

gene gnocchiGene Gnocchi, intervistato da Giuseppe Cruciani e David Parenzo alla trasmissione La Zanzara di Radio 24, ha cercato di spiegare le proprie ragioni in merito all’ormai famosa e famigerata battuta sul maiale di Roma e Claretta Petacci. Il comico emiliano, che ieri ha ricevuto sotto casa uno striscione di Forza Nuova in cui gli si dà del vigliacco, ha detto che si trattava di una battuta non capita e non compresa.

Gnocchi: “Era solo una battuta, ma non l’avete capita”

“Su questa cosa voglio esser chiaro. La battuta nasceva dal fatto che la Meloni ha postato continuamente la foto di questo maiale in giro per Roma. Allora a me da comico è venuto in mente che la Meloni avesse perso il suo maiale, perché di solito chi perde un animale che gli è caro, un gattino o un cagnolino, posta le foto col nome. Ho immaginato che avesse perso il suo maiale, il suo animale da compagnia. Chiaramente, essendo l’universo della Meloni un universo ovviamente di destra, il nome che poteva mettere poteva essere #Petacci, poteva essere Farinacci, Galeazzo Ciano o Benito Mussolini. Ma la mia scelta è stata incidentale, nessuno aveva in mente di offendere o di profanare la memoria della Petacci”.

Gnocchi: “Non devo scusarmi di nulla”

“E’ venuta fuori la notizia che io avrei detto che la Petacci è una scrofa. Non è vero, la battuta non era quella, ma era che la Meloni ha chiamato affettuosamente il suo maialino di compagnia Petacci. Io non ho mai detto questa cosa, che la Petacci è una scrofa”. Cruciani gli fa notare che la battuta è venuta proprio male e che in molti, lui compreso, non l’avevano capita. Gnocchi replica: “Ma il mio mondo è un mondo surreale. Io parto dalla Meloni che ha perso il maiale, il nome del maiale è incidentale per me. Se qualcuno si è sentito turbato da questa cosa, io ho comunque diritto di fare la satira che è mia e lo rivendico. Ma in questo caso è stata travisata completamente la realtà dei fatti. Quindi non accetto di trovarmi sotto casa Forza Nuova. Io non penso di aver sbagliato niente in questa battuta perché in questo caso Petacci è solo un nome”.

Gnocchi: “Non ho paura di Forza Nuova”

“Non ho paura delle minacce di FN ma sicuramente ti intimidiscono, perché sapere che qualcuno viene sotto casa tua a mettere degli striscioni è una cosa che non è bella, ma con questi di FN potrei anche parlarci. Non lavoro mai contro le persone. Puoi dire che la battuta faceva schifo ma non volevo offendere la Petacci”.

F.B.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org
Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore