Home Persone Il panettone gli va di traverso: pensionato muore soffocato

Il panettone gli va di traverso: pensionato muore soffocato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:31
CONDIVIDI

panetoneMorto mentre mangiava una fetta di panettone. I soccorritori non hanno potuto salvare la vita di Carlo Cinquini, pensionato di sessantatré anni. L’uomo è deceduto davanti ai suoi familiari, che hanno tentato in tutti i modi di rianimarlo, poi hanno chiesto anche l’intervento dell’automedica inviata dal 118 dell’ospedale Versilia e dell’ambulanza della Croce Verde, come riportato da Il Corriere della Sera. La tragedia è avvenuta in Versilia, nella casa di Valdicastello di Pietrasanta dove l’uomo viveva. Al momento della tragedia, erano presenti la moglie e i due figli del pensionato.

Carlo Cinquini ha iniziato a stare male, non riusciva a respirare ed era diventato cianotico. Quando i soccorritori sono giunti sul posto hanno potuto soltanto constatarne il decesso. Ogni disperato tentativo di rianimazione, infatti, è stato del tutto inutile. Il medico intervenuto sul posto ha stilato un referto in cui viene acclarato che Carlo Cinquini è morto a causa di un arresto cardiaco provocato quasi certamente dal cibo che gli ha impedito di respirare.

Ancora una tragedia in Toscana, dopo quanto avvenuto un mese fa, quando sullo storico “Treno Natura” a vapore, della linea ferroviaria Siena-Grosseto, era morto soffocato da un boccone Francesco Bini, trent’anni, nato in provincia di Pisa, residente nel comune di Campiglia Marittima, nel livornese.

GM

Fonte: Il Corriere della Sera

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]