Home News Mondo La cannabis legale in California non ferma i profitti dei Narcos

La cannabis legale in California non ferma i profitti dei Narcos

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:39
CONDIVIDI

cannabisIl mondo intero si è fermato a commentare la legalizzazione della Marijuana in California, uno degli stati più importanti all’interno dell’economia statunitense, come riportato da La Stampa. La decisione è stata presa in seguito ad un trend partito in Colorado ed alla possibilità di creare un business simile a quello del tabacco. Inoltre il consumo di cannabis era legale in California sin dal 2012 ed era, quindi, solo questione di tempo prima che il governo dello stato al confine con il Messico prendesse una simile decisione. Uno dei motivi che ha spinto la legalizzazione della Marijuana è sicuramente quello di bloccare il commercio illegale della sostanza stupefacente, bloccandone così l’arrivo dal Messico.

La mossa strategica ha funzionato, poiché l’arrivo di marijuana dal Messico è calato drasticamente (almeno il 40% secondo le fonti americane), ma ha avuto anche un effetto controproducente dato che in contemporanea è stato registrato un aumento di traffico di eroina. La stessa DEA, reparto specializzato dell’FBI, ha confermato che il commercio della Marijuana messicana è calato nettamente già a partire dal 2014, ovvero due anni dopo la legalizzazione della sostanza. Nel frattempo il cartello ha avuto il tempo di riorganizzarsi e modificare il proprio commercio, se prima la Marijuana consisteva in una grossa fetta di guadagno, adesso il profitto da essa derivante è coperto dal commercio di eroina.

A confermare questo nuovo trend è stato il nuovo boss del cartello di Sinaloa, Ismael “El Mayo” Zambada il quale, dopo aver stretto un accordo con il cartello rivale e fermato temporaneamente la guerra intestina, adesso si occupa di gestire l’eredità di El Chapo. Intervistato dal quotidiano locale ‘Rio Doce’ questo ha dichiarato: “Continuiamo a mandare chiva (eroina), perico (cocaina) e cristal (metanfetamine). L’unica merce che è calata è la mota (marijuana)”. Per fare capire in cosa consiste questo aumento, uno dei cuochi di El Mayo ha detto: “Qualche tempo fa cucinavo 40 chili l’anno (di eroina), oggi ne faccio 30 al mese”.

F.S.

Fonte: La Stampa