Home Persone “In Italia portavo le pizze, qui mi considerano un divo”

“In Italia portavo le pizze, qui mi considerano un divo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:04
CONDIVIDI

Andrea PesceE’ una storia di fuga dal proprio Paese, ma anche una storia a lieto fine quella di Andrea Pesce, genovese classe 1984, che dopo gli studi in lingue straniere con specializzazione in inglese e russo si è trovato a dover fare i conti con la dura realtà della ricerca di un lavoro, una ricerca proseguita in altre zone d’Europa e poi terminata con il cambio totale di vita e di continente.

E’ lui stesso che spiega la sua vicenda a Repubblica: “Dopo il diploma e la laurea in Lingue, e diversi anni di precarietà lavorativa ed esistenziale, alla fine mi sono fatto l’idea che nei paesi dove il benessere economico è più alto si riscontra più facilmente anche quella tristezza di fondo dalla quale rischiavo di sentirmi risucchiare anch’io, così ho deciso di mettere insieme i miei risparmi e partire per il Centro America. A Panama ho dovuto ricominciare da zero, in un paese dove anche chi ha poco è felice, forse perché non ha ‘tempo’ per deprimersi”.

“Ad Amsterdam mi guardavano male con il solito stereotipo dell’italiano che fa le pizze. Qui quando ho iniziato a fare le pizze sembravo un Dio. E poi la loro musica mi è entrata dentro. Ho sempre suonato e scritto canzoni mie. Ora ho unito tutto il mio bagaglio con il loro ritmo. Il mio nome d’arte è El Bogey e sto ottenendo un discreto successo. Faccio musica ‘urbana’, un genere simile al reggaeton che là va per la maggiore. Attraverso l’espressione artistica riesco a immergermi pienamente nell’autentico tessuto sociale di Panama”.

Fonte: Repubblica

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]