Home Cronaca Panarello, il Pg chiede la conferma dei 30 anni

Panarello, il Pg chiede la conferma dei 30 anni

CONDIVIDI

Per Veronica Panarello chiesti 30 anni. Il sostituto Procuratore generale Maria Aschettino ha chiesto  alla Corte d’assise d’appello di Catania, dopo una lunga requisitoria, di confermare  la condanna a 30 anni di reclusione per Veronica Panarello, la donna accusata di aver ucciso il figlio Loris Stival di soli 8 anni  il 29 novembre del 2014.

Per l’omicidio del bambino, effettuato per strangolamento con delle fascette di plastica, la sentenza di primo grado era arrivata  il 17 ottobre del 2016. Ora se ne chiede la conferma e l’udienza è stata aggiornata al prossimo 15 febbraio quando verosimilmente proseguirà la requisitoria. Nell’aula, rigorosamente a porte chiuse, erano presenti l’avvocato di Veronica Panarello, Francesco Villardita, e i legali di parte civile, Daniele Scrofani, che assiste Davide Stival e l’avvocato Francesco Biazzo, che rappresenta il nonno paterno di Loris, Andrea Stival.

Quest’ultimo era stato tirato in ballo pesantemente dalla Panarello che aveva raccontato non solo di come fosse il suo amante, ma anche di come avesse in realtà ucciso lui il piccolo Loris. Una versione che poi non ha mai trovato riscontro con prove oggettive e utilizzabili nel processo.
La donna nel frattempo si è separata dal marito, il quale ha scritto un libro sulla sua verità della storia.

F.B.