Dorme da un amico dopo una festa a Ferragosto e non si sveglia. L’addio a Massimiliano è improvviso e straziante

0
371

La morte misteriosa del giovane Massimiliano Segala lascia moltissimi interrogativi. Dopo una festa a casa di un amico, il ventenne di San Giorgio delle Pertiche non si sveglia. A nulla serve l’arrivo dei soccorsi.

Non si hanno ancora indizi su cosa abbia potuto causare la morte di Massimiliano Segala, 20 anni, studente presso l’Università di Padova. Il giovane aveva partecipato ad una festa assieme ad alcuni amici presso l’abitazione di un suo compagno nei pressi di Città Giardino, a Padova, ma la mattina dopo non si è mai svegliato.

Ad accorgersi che qualcosa non và è il padrone di casa e amico di Massimiliano che ospitava gli amici per la festa. Il gruppo si era ritrovato la sera del 14 agosto per festeggiare la vigilia di Ferragosto e avevano fatto festa. La mattina successiva, quando l’amico è andato a svegliare tutti i suoi ospiti, Massimiliano non ha risposto al richiamo. Sono stati immediatamente chiamati i soccorsi, ma i paramedici, una volta arrivati all’abitazione, non hanno potuto fare altro che costatare il decesso del ragazzo.

La procura di Padova, nella persona del PM Marco Brusegan, ha aperto un fascicolo sulla morte del ragazzo. Sul suo corpo non sono state ritrovate tracce di violenza, quindi rimangono aperte tutte le altre possibilità. Il PM non esclude nessuna pista, neanche quella di un cocktail letale di droghe e farmaci. Per far luce sul mistero della morte di Massimiliano è stata disposta l’autopsia del corpo. Intervistato dalla stampa locale, si è espresso il nonno del ragazzo, assolutamente contrario alla possibilità che il nipote potesse drogarsi.

Foto ANSA Firma ANP

L’uomo ha detto di essere molto in confidenza con il nipote e che se avesse cominciato ad assumere droghe se ne sarebbe accorto. Dal suo punto di vista la pista delle droghe è da escludere, ribadendo, invece, che si è trattato di un malore nel sonno. Secondo quanto detto dal nonno, il ventenne era stato male pochi giorni prima della sua morte e stava assumendo dei farmaci. Gli inquirenti batteranno anche questa pista, ma prima di poter tirare delle conclusioni si dovrà attendere il risultato dell’autopsia e la ricostruzione completa di quello che è successo la sera prima della morte.