Calvizia addio? Ecco la notizia che in tanti attendevano

0
15

Una nuova ricerca ha stabilito quelle che sono le cause della calvizie. Lo studio ha messo in risalto che potrebbe dipendere dall’attivazione di una proteina, ossia la TGF-beta. Entriamo nel dettaglio per comprendere meglio.

Questa proteina è in effetti la chiave per controllare quando le cellule del follicolo pilifero si dividono e quando muoiono. Aver scoperto questo processo di divisione e poi morte delle cellule, ci permette di curare la calvizie ma anche di accelerare il processo di guarigione.

Calvizia addio_ Ecco la notizia che in tanti attendevano
Calvizia addio. Ecco la notizia che in tanti attendevano
(pixabay.com)

Dobbiamo ricordare che una cellula del sangue non può trasformarsi in una cellula nervosa e viceversa, ma le cellule staminali hanno la caratteristica che possono trasformarsi in altri tipi di cellule. La ricerca ha messo in evidenza che i follicoli piliferi  sono l’unico organo nell’uomo che si rigenera automaticamente e questo è un aspetto molto importante da mettere in risalto circa il problema della calvizie.

La ricerca

Gli studiosi hanno messo in risalto che un tipo di proteina, ossia la TGF-beta, controlla il processo in cui le cellule staminali, attuano il processo di divisione e formazione di nuove cellule. Questa proteina attiva le cellule del follicolo pilifero e aiuta a orchestrare il processo di morte cellulare. La quantità è un aspetto importante, quindi se si produce una determinata quantità della proteina TGF-beta, questa mette in moto il processo di attivazione cellulare. La ricerca non ha stabilito il motivo per cui i follicoli si uccidono, ancora non sono arrivati a una determinazione del processo, pare che sia ereditato dagli animali, che attuano una perdita del pelo corporeo per cercare di sopravvivere alle calde temperature dei mesi estivi oppure la perdita del pelo arriva perché  cercano di mimetizzarsi.

La TGF-beta, controlla il processo delle cellule staminali
La TGF-beta, controlla il processo delle cellule staminali
(pixabay.com)

Lo studio condotto dagli scienziati non è riuscito a stabilire il motivo per cui la proteina TGF-beta attiva la divisione cellulare, forse vi è la possibilità che il processo di attivazione delle cellule staminali del follicolo stimolano proprio la crescita dei capelli. Quindi imparare a monitorare i livelli di TGF-beta sarebbe alla base di una futura cura delle calvizie, che affligge molte persone, non solo dal punto di vista fisico ma anche psicologico.