Debora, il marito la trova morta in bagno. Lancia l’allarme dopo 2 giorni

0
480
Fonti ed evidenze: Corriere della Sera, Fanpage

E’ giallo sulla morte di una giovane mamma siciliana. La donna è stata trovata morta nell’appartamento in cui viveva con la famiglia. Il cadavere era lì da almeno due giorni.

Debora Pagano aveva solo 32 anni. Nessuno sa come sia morta ma, dalle prime ricostruzioni, non pare essere stata una causa naturale. A lanciare l’allarme è stato il marito che, tuttavia per giorni non si sarebbe accorto di nulla.

Il cadavere della 32enne, infatti, è stato trovato a distanza di circa due giorni dal decesso – secondo quanto stimato dagli esperti – nella sua casa di Macchia di Giarre, in provincia di Catania dove viveva con il coniuge e la loro bambina. Il cadavere è stato rinvenuto nel bagno dell’appartamento. Sul corpo non sono state trovate ferite da arma da fuoco o da arma da taglio ma, per il momento, non si esclude ancora nessuna pista. Purtroppo non si esclude neppure il femminicidio. La Procura di Catania ha già disposto l’autopsia sul cadavere della giovane. A lanciare l’allarme è stato il marito della vittima – un uomo di 40 anni con precedenti penali -il quale ora si trova ad essere il principale indagato. Com’è possibile che non sentendo la moglie per due giorni non si sia insospettito? L’uomo, dopo essere stato sentito dalle Forze dell’Ordine, è stato fermato. Ad insospettire gli inquirenti, infatti, il fatto che il corpo senza vita sia stato segnalato solo due giorni dopo il decesso della donna. Gli inquirenti puntano a ricostruire le ultime ore di vita della donna per capire perché sia morta da sola nell’appartamento e per quale motivo siano trascorsi due giorni prima del suo ritrovamento.

Il legale del marito di Debora, l’avvocato Salvatore La Rosa ha spiegato che l’uomo era troppo sconvolto per lanciare subito l’allarme, sarebbe  stato per due giorni come sotto shock: “Il mio assistito ha trovato sua moglie morta nella giornata di venerdì, ma ha avvertito il 118 solo ieri. È rimasto sconvolto, per due giorni ha cercato di capire cosa fosse accaduto. In. famiglia non vi erano problemi o contrasti tra i due coniugi”. Secondo quanto confermato dal legale, la figlia della coppia non era in casa perché con i nonni a Letojanni, in provincia di Messina, città natale di Debora, che aveva lasciato per trasferirsi a Catania dopo il matrimonio.