Tavoli e sedie di plastica rovinate? Così sembreranno nuovi

0
57

Tavoli e sedie di plastica rovinate? Così sembreranno nuovi: ecco il trucco per rigenerare i vecchi oggetti della terrazza.

Il sole estivo ci permette di godere anche degli spazi esterni alla nostra abitazione, che si tratti del giardino oppure di terrazzi e balconi; a seconda degli spazi, possiamo posizionarci sedie e tavolini, in modo da avere uno spazio confortevole dove stare.

tavoli sedie plastica
(foto: Pixabay).

Col tempo però, esposti alle intemperie, questi oggetti possono rovinarsi: come fare allora per rigenerarli e farli tornare come nuovi? Ecco il trucco, davvero utile e molto pratico.

Tavoli e sedie di plastica rovinate? Così sembreranno nuovi: ecco come fare

Ci sono diversi modi per pulire le sedie e i tavoli di plastica, che sono comunque resistenti ma non immuni allo sporco; in maniera molto pratica e con metodi del tutto naturali, saranno limpidi e torneranno ad essere come nuovi.

Il primo metodo che possiamo usare vede coinvolta una pasta al bicarbonato; basta prendere una ciotola e, una volta aggiunti due cucchiai di bicarbonato,  aggiungere l’acqua. Una volta creata la pasta, applicare sugli oggetti strofinando con uno spazzolino e lasciando agire per circa un’ore.

In nostro aiuto viene poi un altro ingrediente del tutto naturale, il succo di limone; basta quello di mezzo limone, da aggiungere  in una bottiglia con un litro di acqua  e un cucchiaio di sapone per i piatti. Anche l’aceto è molto utile: ne possiamo diluire mezzo bicchiere in circa un litro di acqua calda e poi passarlo con una spugnetta.

tavoli sedie plastica
I metodi per pulirli (foto: Pixabay).

Se vogliamo usare altri prodotti invece, possiamo optare per il sapone di Marsiglia, da aggiungere (così come l’aceto) con qualche scaglia nell’acqua calda; passandolo con un panno potremo rimuovere le parti nere su tavoli e sedie.

Infine, altri due ingredienti che possiamo utilizzare per la pulizia e lo sbiancamento sono l’acido citrico e l’acqua ossigenata. Nel primo caso, basta mescolarne 150 g in un litro d’acqua e poi inserire il composto in un vaporizzatore; se usiamo  l’acqua ossigenata invece, ne dobbiamo versare tre cucchiai (insieme a mezzo di sapone per i piatti e a due di bicarbonato)  in un litro di acqua.