Luigi esce di casa, lo trovano in fin di vita sull’asfalto dopo un incidente. La famiglia “Chi ha visto ci aiuti”

0
76
Fonti ed evidenze: Messaggero, Gazzettino

Un ragazzo di 24 anni trovato in fin di vita per strada da un automobilista. Nessuno sa cosa gli sia accaduto, chi lo abbia ridotto così.

La famiglia di Luigi Calafato è distrutta: nessuno sa cosa sia successo al ragazzo che è stato trovato agonizzante per strada. Ora Luigi lotta tra la vita e la morte ad appena 24 anni.

Il giovane giovedì 30 giugno era uscito di casa come sempre in sella al suo scooter. Poco dopo un automobilista ha visto il suo corpo steso lungo la carreggiata poco distante dallo scooter. Il 24enne stava viaggiando lungo il raccordo, sulla corsia esterna al km 30,200, nei pressi dell’uscita per via Tiburtina, in direzione Tivoli. Nonostante l’automobilista abbia tentato di soccorrerlo e abbia subito chiamato i sanitari del 118, le condizioni di Luigi sono subito parse molto gravi. Infatti da giovedì il ragazzo si trova in coma farmacologico all’ospedale San Giovanni di Roma. Ha riportato tre microfratture craniche, due versamenti ed è stato operato d’urgenza.

Resta il giallo sulla dinamica dell’incidente. Per questo motivo la mamma, il papà e il fratello di Luigi hanno lanciato un appello affinché chiunque abbia visto qualcosa si faccia avanti e parli. I familiari da giorni sono alla disperata ricerca di testimoni oculari che, tuttavia, al momento non hanno ancora trovato.  “Non sappiamo cosa sia accaduto, se mio fratello è stato urtato da un altro mezzo. Se qualcuno ha visto qualcosa ci chiami” – le parole del fratello del giovane motociclista. Sul caso indaga ora la Polizia Stradale mentre la famiglia ha attivato il numero per le segnalazioni, 3663037955. L’ipotesi più probabile è che Luigi Calafato sia stato travolto da un auto in corsa e che il conducente lo abbia poi lasciato in fin di vita sull’asfalto senza il minimo scrupolo. Purtroppo non si tratterebbe del primo caso di questo tipo e, di certo, non sarà nemmeno l’ultimo. Il numero delle vittime della strada cresce di giorno in giorno. Solo pochi giorni fa hanno perso la vita un padre e la figlia: Vito Nico Petrelli di 56 anni e la figlia Laura di 26. I due stavano rientrando a Foggia dopo un viaggio a Milano. Ma a casa non sono mai arrivati.