Emanuela si affida alla chirurgia per dimagrire in fretta, ma perde la vita sotto ai ferri

0
107
Fonti ed evidenze: Fanpage, Quotidianodelsud

Emanuela Tundo originaria di Marconia, si era sottoposta ad un’intervento di riduzione dello stomaco presso l’ospedale di Bergamo il 26 Maggio.

A stabilire cosa sia accaduto alla donna, 43enne di Marconia, in provincia di Matera, sarà ora l’autopsia chiesta a gran voce dalla famiglia.

Emanuela Katia Tundo, 43enne di Marconia di Pisticci, è  deceduta domenica nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale “Madonna delle Grazie” di Matera, dove era stata ricoverata d’urgenza il 3 giugno scorso. Un ricovero resosi necessario a 24 giorni dall’operazione di riduzione dello stomaco, a cui si era sottoposta nel policlinico “San Marco in Zingonia” di Bergamo. Emanuela pesava 90 chili e in base alla sua statura qualcuno la classificava come obesa, andando contro il canone che restituiva l’occhio esterno di chi la guardava, vedendola carnosa ma non certo obesa. Era una ragazza solare e molto bella, che probabilmente subiva i condizionamenti di una società sempre più incentrata sull’ossessione della forma, quindi ultimamente voleva perdere qualche chilo. Era ossessionata dalla necessità di dimagrire in fretta; per questo, dopo il colloquio preliminare con l’équipe bergamasca, era stata inserita nell’elenco degli idonei per chirurgia bariatrica, la quale consiste nella riduzione della capienza dello stomaco. Il 26 maggio scorso, Emanuela si era sottoposta all’intervento nell’ospedale bergamasco, ritenuto una delle strutture d’eccellenza in questo genere di interventi, con un margine di rischio piuttosto basso. Infatti, si tratta di un intervento che, di per sé, ha una incidenza di decessi pari a 1 caso ogni mille; ma quel caso potrebbe essere fatalmente quello di Emanuela, se l’esame autoptico dovesse dimostrare il nesso causale tra le complicanze per cui è stata ricoverata a Matera, otto giorni dopo l’intervento e cinque dopo le dimissioni da Bergamo.

I fatti ed il decorso post operatorio, sono narrati dal figlio ventenne della donna, Leonardo Corsano, che ieri ha presentato formale denuncia in questura a Matera. “Accusava forti dolori all’addome e un senso generale di malessere. I medici di Matera hanno dovuto praticamente rioperarla, perché pare fosse saltato un punto di sutura all’interno dello stomaco, con conseguente emorragia interna.” Da lì Emanuela è entrata subito in terapia intensiva, dalla quale è uscita domenica dopo sedici giorni priva di vita. Il figlio chiede, quindi, l’apertura di un’indagine con l’esame autoptico sulla salma della mamma, per accertare le cause che hanno determinato la morte di una persona in sovrappeso, «ma sostanzialmente sana, senza particolari patologie». Corsano inoltre spiega: “Data la bassissima incidenza di mortalità per questi interventi, si sospetta che le complicanze «siano dovute ad una cattiva realizzazione dell’intervento, nonché le dimissioni  avvenute tre giorni dopo, senza un’adeguata diagnosi in uscita per la verifica della situazione generale e specifica della paziente. L’esame autoptico è, pertanto, indispensabile per accertare se la morte sia dovuta all’imperizia e/o al mancato rispetto dei protocolli, per l’intervento a cui è stata sottoposta».