Dieta: i consigli per perdere velocemente peso

0
46
Fonti ed evidenze: ilmessaggero.it

Soprattutto in questo periodo dell’anno tutto sono concentrati nell’intraprendere delle diete che li porteranno a essere in forma e a esibire in spiaggia un bel corpo. Ma scopriamo quali sono i consigli.

Sicuramente per essere in forma e praticare una sana dieta, che è fondamentale anche per la nostra salute, dobbiamo scegliere gli alimenti adatti e quindi, come dicono molti dietologi e nutrizionisti bisogna diminuire notevolmente dalla nostra alimentazione i grassi, i formaggi, i dolci, l’alcol. 

Dieta e metabolismo
Dieta e metabolismo
(pixabay.com)

Non solo i cibi ma anche il modo in cui vengono cotti. Si esagera spesso con olio, burro e altro che possa davvero rendere grasso il nostro pasto, non solo rendendolo non digeribile ma anche troppo ricco di calorie.

A questo poi si aggiunge una mancata attività fisica, alla base invece del benessere totale.

 

Cosa ha stabilito la ricerca

Innanzitutto soffermiamoci sia sulla quantità del cibo che sugli orari in cui consumiamo i nostri pasti. Bisogna quindi imparare a mangiare piccole porzioni e poi rispettare sempre gli stessi orari.

I nostri alleati quindi sono due: La bilancia, per pesare gli alimenti e l’orologio per rispettare gli orari. Soffermiamoci anche sulla lentezza, nel senso che se consumiamo i nostri pasti in modo disordinato e veloce sicuramente non ne trarremo giovamento e anche il peso ne risente.

 

Sono stati condotti degli studi americani che hanno stabilito proprio che non è solo indispensabile mangiare in piccole quantità ma anche fondamentale rispettare l’orario della colazione, pranzo e cena.

Si parla poi di un aspetto di cui forse non ha parlato mai nessuno fino a ora, ossia il ritmo circadiano. Nello specifico si stratta di alcune variazioni cicliche che quotidianamente coinvolgono le nostre attività biologiche.

Questo studio condotto è stato effettuato su un gruppo di topi che sono stati attentamente analizzati per circa quattro anni. È emerso che i topolini che vivevano il 10% in più rispetto agli altri avevano un regime alimentare ipocalorico.

Accadeva però che i topolini che assumevano la stessa quantità di calorie durante il metabolismo elevato, ossia la notte per i topi, invece per l’uomo è di giorno, questi topi vivevano il 35% di più.

Grande traguardo per un tipo di animale che in media ha una vita di 2 anni. Allungare la sua esistenza di ben 9 mesi è davvero un traguardo. Quindi la ricerca ha stabilito che bisogna mangiare  di meno e mangiare quando il metabolismo è in grande attività

Quindi adesso bisogna tenere presente anche di questi i ritmi circadiani, che se rispettati ci fanno vivere più a lungo.

Secondo Joseph Takahashi, autorità mondiale in tema di orologi biologici lui dichiara che la nostra vita è scandita da cicli di ventiquattro ore. Lui dichiara che consuma i suoi pasti quotidiani in un arco di tempo di 12 ore durante la giornata.

Quindi dedicare dodici ore di cibo sano, buono e senza troppe calorie, dodici di riposo dello stomaco. Sicuramente la longevità è legata ai meccanismi che si sono nella catena alimentare che è basata proprio sull’attività del metabolismo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui