Rosmarino secco? Come salvarlo con i consigli bomba!

0
44

Ecco alcuni consigli da pollice verde che ti permetteranno di salvare il tuo rosmarino secco afflosciato e ingiallito

È tempo di primavera e, in molti di noi, rispunta il pollice verde perso magari all’inizio della stagione fredda. Il verde della natura che rinasce e ci circonda ci fa sentire più in sintonia con quello che c’è intorno a noi. Proprio per questo, possiamo cogliere, l’opportunità di prenderci cura di quelle piante che avevamo dimenticato in giardino o sul balcone.

(Pixabay)

In questo articolo, infatti, vogliamo fornirti alcuni consigli utili per prendersi cura delle proprie piante e cercare di recuperare quelle che si stanno indebolendo. Ti mostriamo quindi alcuni metodi molto utili per salvare il tuo rosmarino secco afflosciato e ingiallito: ecco come fare.

Come salvare il rosmarino secco

Il rosmarino è una splendida pianta aromatica molto antica. Si tratta di una pianta cespugliosa con rametti legnosi che le permettono di adattarsi facilmente al nostro ambiente. È questo il motivo per cui, infatti, il rosmarino è molto diffuso sui nostri balconi e nelle nostre case.

Tuttavia, a volte ci dimentichiamo di prendercene cura e ci troviamo ad assistere al suo indebolimento. In questo articolo, però, vogliamo mostrarti alcuni metodi molto semplici ed efficaci che ti permettono di salvare il rosmarino secco e afflosciato.

È molto importante regolare l’annaffiatura della pianta: fai attenzione a non annaffiarla troppo o troppo poco, cercando una corretta via di mezzo. Un’annaffiatura eccessiva, infatti, provocherebbe un lento marcire delle radici e delle foglie. Se, invece, dessimo poca acqua, si assisterebbe alla morte della pianta.

(Pixabay)

Fai molta attenzione anche al vaso in cui decidiamo di piantare il tuo rosmarino. Cerca di procurarti sempre un vaso in terracotta, evitando quelli di plastica, cercandone uno di media grandezza, aumentandone le dimensioni in base alla crescita della pianta. Quando assistiamo ad un ingiallimento delle piante, infatti, cambiare il vaso potrebbe essere la soluzione migliore.

L’ultimo segreto riguarda il terriccio. Se hai intenzione di salvare il rosmarino secco, ricorda di utilizzare un terriccio universale ben drenante. Se non lo è potresti potare per una miscela con sabbia, mettendo sul fondo uno strato di argilla espansa, in modo da far defluire correttamente l’acqua quando innaffi la pianta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui