Addio ad Alice, pugnalata a morte a Genova mentre era a spasso con il cane

0
29
Fonti ed evidenze: il giornale, il giorno, skytg24

L’omicidio è avvenuto domenica sera a Quinto. La vittima è una donna di 34 anni. Ad accoltellarla sarebbe stato il fratello.

Una quarantenne è stata uccisa a coltellate in strada, nel levante di Genova. È accaduto nella domenica sera del 1 maggio a Quinto, in via Fabrizi.

Alice Scagni

La donna, Alice Scagni,34 anni, stava portando a spasso il cane quando è stata avvicinata dal fratello, Alberto, con il quale aveva iniziato a litigare per motivi ancora da chiarire. L’uomo, un quarantenne, durante il diverbio l’ha colpita, ferendola mortalmente. Ad assistere alla scena c’erano il marito e alcuni residenti che udendo le urla dei due si erano affacciati alle finestre di casa e, inorriditi dalla scena, hanno chiamato i soccorsi.

Sul posto sono intervenuti i mezzi del 118, le volanti della Polizia e gli agenti della Squadra Mobile. Il fratello che inizialmente aveva tentato la fuga, è stato fermato vicino al luogo dell’aggressione e successivamente è stato portato in Questura. Quella di domenica sera non sarebbe stata la prima lite tra i due. L’uomo, disoccupato, aveva già discusso animatamente con la sorella e i rapporti tra i due erano tesi. Secondo le prime informazioni pare che l’uomo fosse anche seguito per problemi psichici.

Inoltre sulla pagina Facebook di Alice, il fratello Alberto aveva lasciato alcuni messaggi in cui traspariva questa tensione. Altri messaggi confusi erano stati inviati ad altri contatti del social network, sempre da parte del fratello. A mettere immediatamente la polizia sulle tracce del fratello, e a soccorrere per primo la donna, è stato il marito della 34enne. Per Alice, però, era già troppo tardi: la giovane donna è morta subito, a seguito delle ferite riportate.

Alberto è stato condotto in Questura, pressappoco alla mezzanotte di ieri. L’uomo non avrebbe ammesso le responsabilità del misfatto. Le indagini del caso sono state affidate alla Polizia che continua ad indagare sui motivi della tragedia.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui