A14, il tir non vede i lavori in corso: 37 enne travolto e ucciso

0
155
Fonti ed evidenze: Fanpage, Today

Ennesima morte sul lavoro. Negli ultimi mesi le persone morte mentre svolgevano il proprio mestiere sono state tante. Sempre troppe.

Nessuno dovrebbe morire mentre si sta guadagnando onestamente da vivere. nel nostro Paese le morti sul lavoro sono un dramma che non vede ancora la sua fine. L’ultima vittima aveva 37 anni.

ANSA/FRANCO CAUTILLO/Archivio

Pochi giorni fa un ragazzo di appena 30 anni, Antony Turnone, è morto fulminato in un impianto fotovoltaico di San Donato a Lecce.  Nella notte tra martedì 5 e mercoledì 6 aprile, invece, intorno alle 2, nel tratto pugliese dell’autostrada A14 Bologna-Taranto, un operaio addetto alla manutenzione stradale è stato travolto e ucciso da un mezzo pesante mentre era impegnato con i colleghi nelle attività di manutenzione sulla carreggiata. Un tir non si è accorto di lui e lo ha travolto. La vittima aveva 37 anni ed era originario di Napoli. I colleghi, sconvolti, hanno immediatamente lanciato l’allarme: sul posto sono prontamente accorsi i sanitari del 118, le pattuglie della Polizia stradale e i pompieri ma purtroppo non c’è stato nulla da fare per il 37enne.

Questa è solo l’ultima delle tante morti sul lavoro, l’ennesimo ragazzo che non tornerà più a casa dai propri affetti. Il segretario generale della Fillea Cgil ha ricordato che su quel medesimo tratto autostradale, pochi mesi fa, già un altro operaio aveva perso la vita in modo pressoché simile. Il sindacalista ha commentato: “C’è un evidente problema di sicurezza nei cantieri autostradali della A14 in provincia di Foggia, chiediamo alla stazione appaltante e alle istituzioni preposte ai controlli un intervento in tal senso, perché due infortuni mortali in pochi mesi nello stesso tratto non posso essere solo addebitati a fatalità. Un tragico riproporsi, con le stesse dinamiche, di quanto accaduto solo a settembre scorso  quando a morire era stato un operaio di 47 anni. Dalla migliore segnalazione dei lavori fino alla decisione di chiudere il tratto interessato dai lavori dirottando il traffico sull’altra corsia, vanno predisposte misure che fermino questo drammatico e non più sostenibile bilancio di vittime sui cantieri autostradali”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui