Gli operai montano l’impalcatura e dalla finestra vedono qualcosa: erano due cadaveri stesi a terra

0
318
Fonti ed evidenze: Messaggero, Fanpage

Due cadaveri che sarebbero rimasti lì per chissà ancora quanto tempo se gli operai non avessero montato un’impalcatura proprio di fronte.

ANSA/JESSICA PASQUALON

In un appartamento di Venezia rinvenuti i cadaveri di due donne. A scoprirli una squadra di operai che, dovendo fare lavori nel palazzo, avevano allestito un’impalcatura proprio di fronte a quell’appartamento. I due corpi senza vita sono stati, dunque, ritrovati per puro caso: chissà quanto ancora sarebbero rimasti lì altrimenti. Una era riversa nel bagno, l’altra nella sala da pranzo. Le due donne erano due anziane sorelle: Livia e Gladis Naccari rispettivamente di 86 e 84 anni. Da quanto emerso i cadaveri stavano già iniziando il processo di decomposizione: le due sorelle erano lì morte nel loro appartamento da diversi giorni ma nessuno era andato a cercarle pur non vedendole né sentendole. L’ennesima storia di persone anziane che muoiono in solitudine, nell’indifferenza generale della gente.

Stando ai primi accertamenti sarebbero entrambe decedute per cause naturali: un malore che, incredibilmente, le avrebbe colpite entrambe nel medesimo momento. Per il momento si tende ad escludere la pista dell’omicidio poiché in casa non sono stati trovati segni di effrazione e i Vigili del Fuoco hanno escluso fughe di gas o altre esalazioni tossiche. Pare improbabile anche l’ipotesi del suicidio volontario.  La casa era in disordine, le due anziane da tempo non uscivano né cercavano aiuto e anche questo ha contribuito al fatto che nessuno le cercasse. Non è chiaro se avessero o no dei parenti. Sembra che le due sorelle giacessero lì senza vita da almeno una settimana. Gli operai si sono spaventati nel vedere, dall’impalcatura, un corpo immobile steso a terra e hanno subito allertato i soccorsi. Per le due donne, tuttavia, non c’era più nulla da fare. Non è certo il primo caso di questo tipo: persone anziane dimenticate da chi le circonda. Nessun vicino che si prenda la premura di bussare alla porta, nessun parente che faccia una telefonata. Qualche settimana fa a Como una donna di 70 anni, Marinella Beretta,  è stata trovata morta in casa sua a distanza di due anni dal decesso, quando il corpo era già mummificato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui