Marinella, morta in soggiorno e scoperta dopo 2 anni: ora compaiono alcuni parenti

0
318
Fonti ed evidenze: Fanpage, Giorno

Vissuta e morta sola. La triste storia della 70enne Marinella Beretta ha lasciato tutti sconvolti. Ma non è ancora finita: i parenti, in realtà, esistono.

Getty Images/Vittorio Zunino Celotto/Archivio

La storia di Marinella Beretta, la 70enne di Como trovata seduta – mummificata – in casa sua a due anni dal decesso, ha fatto il giro del Paese lasciando tutti profondamente scioccati. La donna, a quanto pare, ha passato gli ultimi anni come un fantasma, nemmeno i servizi sociali sapevano della sua esistenza. Nessuno mai a farle visita, mai una telefonata: nulla. Dopo il ritrovamento del cadavere la Polizia ha lanciato diversi appelli, per capire se Marinella avesse parenti. Nelle ultime ore gli uffici della Squadra Volante sono stati contattati da una famiglia di Modena, che sostiene di avere un legame di parentela con la defunta. Persone con cui si era persa di vista da tantissimi anni e con le quali non c’era alcuna forma di frequentazione, complice anche una parentela alla lontana, e che solo da una serie di dettagli uniti al nome, hanno ritenuto che fosse la loro parente.

Già in via interlocutoria avrebbero dimostrato di essere a conoscenza di particolari indicativi, ma se la parentela sia reale o soltanto millantata in funzione di una qualche eredità, dovrà essere verificato da ulteriori approfondimenti. Marinella, infatti, aveva venduto la sua abitazione mantenendone, tuttavia, l’usufrutto fino alla morte e riceveva ogni mese un bonifico dall’acquirente.  Sulla morte dell’anziana non è stata aperta un’indagine: le cause naturali del suo decesso non richiedono alcun accertamento legale. Il comune di Como ha deciso di farsi carico dei funerali di Marinella, con la collaborazione di diversi cittadini che hanno preso a cuore la vicenda restando molto colpiti e addolorati da una tale morte, avvenuta in completa solitudine. Quei due anni e mezzo passati in casa, senza che nessuno la cercasse, ma soprattutto quell’immagine di lei, rimasta immobile sulla sedia del soggiorno, dove l’ha raggiunta un malore fulminante, hanno inevitabilmente colpito l’immaginario e le coscienze di molti. E nella stessa desolante situazione di Marinella potrebbero trovarsi milioni di persone che vivono isolate dal resto del mondo, nell’indifferenza dei vicini ma anche di parenti alla lontana, siano essi reali o presunti.