Congedo Parentale a ore: tutto su come funziona

0
190

Se sei un genitore hai la possibilità di astenerti dal lavoro. Ecco come funziona il congedo parentale a ore e come si presenta domanda

congedo.parentale_Leggilo_20.01.2022
(foto: Pixabay)

I genitori lavoratori dipendenti hanno uno strumento in più per dedicare del tempo prezioso alla loro famiglia in momenti importanti. Si tratta del congedo parentale, ovvero un periodo di tempo in cui ci si può astenere dal lavoro per motivi familiari. 

Questo diritto viene garantito ai lavoratori dipendenti, i quali sono anche genitori, e può essere usufruito  nei casi di una nuova nascita, adozione o affidamento. Inoltre, la legge prevede la possibilità di usufruire del congedo parentale a ore. Ecco come funziona.

Congedo parentale a ore. Ecco come funziona

Secondo la legge n° 228 del 24 dicembre 2012, i lavoratori hanno diritto a richiedere il congedo parentale frazionato in ore. Le modalità con cui si può accedere e usufruire del congedo parentale a ore sono stabilite all’interno dei contratti collettivi nazionali del lavoro (CCNL).

LEGGI ANCHE –> TEST: ECCO QUANTO SEI SVEGLIO, PROVA CON NOI!

In caso di assenza di disposizioni specifiche nel contratto, interviene il decreto legislativo n°80/2015. Nella normativa vengono definite le modalità con cui usufruire del congedo parentale a ore. Questo vuol dire che l’astensione prevista ammonta a “metà dell’orario medio giornaliero del periodo di paga quadrisettimanale o mensile, immediatamente precedente quello di inizio del congedo parentale”.

Il congedo parentale può essere usufruito in tre modalità: giornaliera, mensile o oraria (congedo parentale a ore). Secondo la norma, l’astensione dal lavoro può durare fino a 10 mesi, i quali possono salire a 11 se il padre lavoratore si astiene dal lavoro per almeno 3 mesi. 

congedo.parentale_Leggilo_20.01.2022
(foto: Pixabay)

Se si sceglie, invece, il congedo parentale a ore, la durata del permesso non cambia. Inoltre, sono previste diverse forme di astensione dal lavoro. Tra questi ricordiamo la maternità obbligatoria, la quale può essere anche anticipata in caso di una gravidanza a rischio.

LEGGI ANCHE –> PAOLA PEREGO: FINALMENTE LA BELLISSIMA NOTIZIA!

È prevista anche la possibilità di alternare le varie modalità di astensione. Questo vuol dire che un genitore potrà avvalersi del congedo giornaliero e mensile, alternando i vari periodi. È possibile presentare domanda di congedo online secondo le modalità prevista nella circolare INPS n°152 del 18 agosto 2015. Ricordiamo che è necessario fornire al datore di lavoro un preavviso di 2 giorni.