Mauro da Mantova, Cruciani: “Ho fatto di tutto per convincerlo a ricoverarsi”

0
312
Fonti ed evidenze: Il Fatto Quotidiano, Adnkronos

Mauro da Mantova, interventista della trasmissione radiofonica La Zanzara, condotta da Giuseppe Cruciani, è morto di Covid-19. Intervistato da Radio 24, Cruciani si è detto dispiaciuto per l’accaduto.

Mauro Buratti è morto di Covid-19. Era uno dei più assidui interventisti della trasmissione radiofonica La Zanzara. Per tutti, Buratti era “Mauro da Mantova”. Le sue posizioni erano singolari, in quanto dichiaratamente no-vax e credente in molteplici fantasiose teorie del complotto. Tali teorie spaziavano da argomenti come il Covid-19 a strampalate lobby societarie nonché teorie sulla finanza. Mauro da Mantova era ricoverato nella terapia intensiva dell’ospedale veronese di Borgo Trento. Aveva annunciato di essere entrato in un supermercato avendo la febbre a 38, con la mascherina abbassata. Il conduttore della trasmissione, Giuseppe Cruciani, lo aveva esortato a ricoverarsi, cosa che Buratti ha fatto tardivamente. Queste le parole del conduttore riguardo la morte di Mauro da Mantova, rilasciate durante un’intervista a Radio 24.

È prevalente il dispiacere o la rabbia?

Non ci sono motivi per avere rabbia. Nel momento in cui conosci una persona che fa parte del tuo universo radiofonico, seppure non fosse una persona intima, è una storia che hai seguito da vicino. Il dispiacere quindi c’è“.

Ha provato a convincerlo.

Ho cercato in tutti i modi di convincerlo. La settimana nella quale ha rifiutato il tampone e il ricovero, successivamente ai sintomi, gli è stata fatale“. Il conduttore rivela di aver creduto, erroneamente, che le speranze di Mauro potessero aumentare dopo tre settimane. “Pensava di avere un’influenza. Quando ha capito che era Covid ho fatto intervenire un mio amico primario. Quindi è partito per Verona“.

Ora si leggono commenti in cui vi è molto dispiacere umano, ma vi è anche un sottotesto chiaro: “se l’è cercata”.

Queste cose sono miserabili. Ognuno vive la vita come vuole. Definirlo no-vax era riduttivo, Mauro viveva di complotti in generale”. Cruciani rivela inoltre che la vita di Mauro da Mantova era ricolma di teorie del complotto, legate agli argomenti più disparati. “La sua vita era piena di complotti sulla grande finanza, sulla lobby ebraica e altre cose simili“.

Sotto al suo post, nei commenti, la gente scrive: “Lotta contro le lobby anche da lassù”. C’è molta strada da fare, specie per i giornalisti.

Io non ho mai dato alcun consiglio. Non credo che il giornalismo debba consigliare. Mauro pensava e credeva in cose che rientravano nel suo DNA. Era complottista già prima del Covid. Parliamo di una persona che credeva Parenzo fosse il figlio di Riccardo Schicchi“.

Dare la ribalta ai complottisti non è dannoso per loro nonché per l’informazione?

Comprendo la domanda. Però una trasmissione come la nostra è a microfono aperto. Giuseppe Cruciani ricorda inoltre il fatto che Mauro da Mantova fosse un volto noto della trasmissione radiofonica condotta da lui, pur negando il fatto che lo spazio dedicato al complottista fosse una possibilità di “ribalta” per coloro che credono in tali teorie. “Era spesso ospite della nostra trasmissione, per un anno non c’è stato più. Non credo che ribalta non sia la parola corretta. Mauro da Mantova aveva creato un suo canale YouTube“.

Rischiamo l’effetto megafono, questo è un argomento discusso. Ci sono delle responsabilità anche se si fa il controcanto?

Io non credo di essere responsabile. Ci sono persone già convinte di loro. Parenzo ha posizioni chiare. Io penso che le persone siano responsabili, a prescindere da quello che ascoltano, del loro destino”. Il conduttore radiofonico, inoltre, asserisce che gli ascoltatori si convincano delle cose indipendentemente dal fatto che ascoltino o meno la sua trasmissione. “Se ascoltano o no la nostra trasmissione, se vogliono convincersi di qualcosa lo faranno a prescindere. Guardando un video, leggendo su internet o ascoltando la radio“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui