Apple Air Tag: i ladri delle macchine ringraziano! Ecco il motivo

0
47

Apple Air Tag che doveva servire per aiutarci a rintracciare i nostri dispositivi, si stanno rivelando uno strumento per la truffa!

Apple Air Tag - Ecco a cosa serve
Apple Air Tag – Ecco a cosa serve

Il 20 aprile 2021, la Apple ha presentato sul mercato una nuova invenzione, l’Apple Air Tag, pensato per tutti coloro che tendono ad avere un po’ la testa fra le nuvole e, di conseguenza, perdono continuamente oggetti di varia natura. Quest’ultimo può essere utilizzato per rintracciare l’oggetto in questione, grazie ad un dispositivo Gps inserito all’interno del software del prodotto. Tuttavia, qualche malintenzionato, ha trovato un modo alternativo, e per nulla legale, di utilizzare questo prodotto. Ecco cos’è successo.

LEGGI ANCHE —> Oroscopo: per questi segni è arrivata la fine del periodo buio

Truffa con Air Tag – Tutto quello che c’è da sapere

L’Apple Air Tag è un software nato per rintracciare i nostri dispositivi a distanza, in modo da poterli trovare in caso di smarrimento. Tuttavia, quest’ultimo si sta rivelando invece un ottimo strumento per effettuare truffe ai danni di proprietari d’auto. I ladri in questione hanno visto in questo dispositivo un modo per rintracciare le auto di grande portata e valore elevato, in modo da appropriarsene in un secondo momento.

Apple Air Tag - Tutto quello che c'è da sapere
Apple Air Tag – Tutto quello che c’è da sapere

LEGGI ANCHE —> WhatsApp shock: condivide i dati con FBI ogni 15 minuti

I primi casi di questo genere di truffa sono avvenuti in Canada e negli Stati Uniti: i ladri posizionano l’Air Tag in un posto poco visibile, per poi seguire i movimenti del proprietario. Nel momento in cui il veicolo viene parcheggiato in un posto isolato, i malfattori entrano in azione e rubano il veicolo. Di conseguenza, la polizia di York ha consigliato di parcheggiare le proprie auto in un garage chiuso, oppure – in assenza di quest’ultimo – di inserire il blocco al volante e della porta dati.

Il numero di questo genere di truffe è aumentato particolarmente da settembre 2020 ed è destinato ad aumentare se i proprietari non mettano in pratica i consigli della polizia. Inoltre, generalmente viene mandato un messaggio automatico al proprietario nel momento in cui qualcuno attiva il dispositivo sull’auto, tuttavia capita troppo spesso che questi messaggi vengano ignorati. E’ bene quindi, non solo fare attenzione al veicolo stesso, ma anche agli eventuali messaggi di allarme relativi all’attivazione di un dispositivo in questo caso anomalo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui