Un bambino migrante muore “Meloni e Salvini, bastardi, come avete potuto” dice Saviano e promette di seguirli da vicino

0
244
Fonti ed evidenze: TgCom24, il Fatto Quotidiano

Il commento di Roberto Saviano ha fatto infuriare la leader di Fratelli d’Italia che ha lasciato la questione agli avvocati e ha fatto scattare la denuncia.

Tristan Fewings/Getty Images

Ospite della trasmissione “Piazzapulita” in onda su La7, lo scrittore Roberto Saviano si è lasciato andare ad un commento abbastanza piccato diretto a Giorgia Meloni, durante una puntata dedicata al tema dei porti chiusi e della gestione dei flussi migratori. Il commento, andato in onda in un episodio del dicembre 2020, apostrofava la miss del centro destra come una “bastarda” perché colpevole di aver spinto per la chiusura dei porti durante l’emergenza migranti e per aver criticato fortemente il lavoro di salvataggio delle Ong. A meno di un mese dall’uscita del film sulla Ong Open Arms presentato anche al Festival del Cinema di Roma, che grazie alla forza delle sue immagini restituisce verità all’esperienza di chi in quel periodo di emergenza ha dedicato la sua vita a salvare quella di altri, la prima udienza del processo Meloni Vs. Saviano è stata calendarizzata per il 15 novembre 2022. Il processo è stato affidato al pm Pietro Pollidori, che nel luglio scorso aveva chiuso le indagini contestando all’autore di Gomorra il reato di diffamazione; Saviano nel luglio 2020 era stato rinviato a giudizio dal gup di Roma, ma non sembrava voler fuggire dallo scontro, tanto che durante il confronto avvenuto in aula tra lui e l’avvocato della Meloni, Andrea Delmastro delle Vedove, ha affermato che non li avrebbe mollati – probabilmente rivolto alla stessa ministra Meloni e al suo entourage -. L’avvocato ha commentato l’incontro affermando “non credo sia un comportamento consono – quello di Saviano- a un’aula di tribunale e in tanti anni da avvocato non mi è mai capitato“.

La frase incriminata che ha creato tutto questo trambusto è stata proferita durante una discussione sul ruolo delle Ong durante l’emergenza migranti, e nello specifico mentre l’autore parlava della morte di Youssuf un bambino di soli 6 mesi della Guinea, avvenuta nel Mediterraneo durante una tratta a bordo di una Ong ed è la seguente: “Vi sarà tornato in mente tutto il ciarpame detto sulle Ong: ‘taxi del mare’, ‘crociere’ … ma viene solo da dire bastardi. A Meloni, a Salvini, bastardi come avete potuto? Come è stato possibile, tutto questo dolore descriverlo così? É legittimo avere un’opinione politica, ma non sull’emergenza”.

A quanto ha riferito l’avvocato della Meloni, Saviano in aula ha rivendicato le sue parole e non ha intenzione di tornare sui propri passi, fatto non difficile da credere viste le posizioni dello scrittore nei confronti del Centro destra, più volte esplicitate senza troppi filtri, sia riguardo la gestione dei flussi migratori sia in merito alla gestione dell’emergenza Covid.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui