La badante cucina la pietanza sbagliata. Pensionato e la moglie iniziano a sentirsi male, e anche lei

0
116
Fonti ed evidenze: Today, Fanpage

Un pensionato della provincia di Como morto nel giro di pochi minuti dopo un pranzo cucinato dalla badante.

Getty Immages/Marco Di Lauro

A fronte di milioni di badanti che svolgono onestamente e con dedizione il proprio lavoro, ci sono purtroppo rari casi di badanti disoneste come quella dell’anziano di Taranto la quale, approfittando dell’incapacità di intendere e volere del suo assistito, si era fatta sposare per poi ereditare tutto. Talvolta, invece, una badante può peccare di disattenzione come accaduto  a Monguzzo, comune del Comasco al confine della Brianza. Qui una badante aveva raccolto dei funghi che poi ha portato a casa dei suoi due anziani assistiti per cucinarli. Sarebbe dovuto essere un tranquillo pranzo in famiglia e, invece, si è concluso in tragedia.

Dopo averli mangiati infatti il marito, un uomo di 89 è spirato per avvelenamento. Inutili i soccorsi del 118: il pensionato è morto durante il trasporto verso l’ospedale. Ricoverate in gravi condizioni la moglie della vittima e la stessa badante. I tre hanno iniziato a sentirsi male subito dopo aver ingerito i funghi. La moglie del defunto si trova presso l’ ospedale Sant’Anna di Como mentre la badante dopo un periodo di degenza a Como, è stata trasferita al Niguarda di Milano.  La donna è sveglia e cosciente e le analisi effettuate hanno confermato che si è trattato di un’intossicazione causata da ingerimento di funghi velenosi. Nei giorni scorsi si temeva il peggio e si pensava che fosse addirittura necessario un trapianto di fegato. Ipotesi poi scongiurata visto un lento ma progressivo miglioramento della donna. Si sta cercando di risalire all’origine dei funghi e di capire se sia stata l’assistente familiare in persona a raccoglierli o se le siano stati dati da qualcun’altro. Non è la prima volta che accadono tragedie di questo tipo: lo scorso anno a rimetterci fu una donna residente in un paese sul lago d’Iseo. La poverina fu ricoverata e salvata in corner dopo aver mangiato uno dei funghi più velenosi esistenti il cosiddetto “Angelo della Morte“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui