Tiziana, incidente sul lavoro. E soffre troppo prima di andarsene

0
77
Fonti ed evidenze: Corriere della Sera, Fanpage

Un’altra morte bianca, un altro incidente sul lavoro che si è portato via una vita. La vittima ha sofferto una lunga agonia prima di andarsene.

Un’altra vita sacrificata al lavoro. Perché il lavoro serve per vivere ma non può condannare alla morte. Dopo la giovanissima Giulia Maccaroni ora a perdere la vita è Tiziana Bruschi, di 58 anni. La donna è morta il 12 ottobre all’ospedale Careggi dopo un’agonia lunga oltre un mese. Tiziana il 2 settembre era stata travolta da un bancale mentre lavorava alla Sistema srl, una piccola azienda di Scandicci, comune dell’hinterland di Firenze, che produce materie plastiche. Ora il titolare dell’azienda è indagato per omicidio colposo.

Tiziana era un’operaia. Il giorno del tragico incidente – che le è stato fatale –  si trovava in magazzino, quando un pesante bancale, carico di merce, le è finito addosso da un’altezza di 3 metri. La 58enne, a causa dei numerosi traumi riportati, era finita in coma. Dopo quaranta giorni il suo cuore si è spento. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore di Firenze, Francesco Sottosanti, il quale dopo aver ricevuto notizia del decesso in ospedale della lavoratrice ha disposto l’autopsia per poter sgomberare il campo da ogni dubbio circa le cause del decesso della 58enne.  Sulla terribile vicenda è intervenuto il governatore regionale Giani il quale ha ricordato che da inizio anno ad oggi, solo in Toscana, sono già 26 le persone morte sul lavoro.
Dall’inizio dell’anno  i caduti sul lavoro in Toscana sono già 26. È uno stillicidio non più sopportabile, che ci fa fare un salto indietro di anni. La pandemia ha ridisegnato le priorità su cui dobbiamo concentrare il nostro impegno e tra queste ci sono certamente il rispetto della dignità di lavoratrici e lavoratori, una forte e diffusa cultura della sicurezza, strumenti e risorse adeguate per prevenire incidenti e infortuni mortali sul lavoro” – le parole del governatore toscano.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui