Potete morire mentre andate in auto a vaccinarvi, non per il vaccino, dice Burioni

0
128
Fonti ed evidenze: Ministero della Salute, Adnkronos, Huffington Post

Il virologo Roberto Burioni torna in televisione per ribadire l’efficacia e la sicurezza del vaccino anti Covid.

Getty Immages/Stefania D’Alessandro

Il Ministero della Salute informa che nelle ultime ventiquattro ore i casi totali di Covid sono saliti di 1612 unità. Da ieri 37 morti e 2446 guariti. I casi attualmente positivi continuano a scendere: 92.096, -871 rispetto a ieri. I ricoverati tornano ad aumentare: 3032, +41. Crescono anche le terapie intensive 437, +6 da ieri.

Burioni: i vaccini sono sicurissimi

Il virologo Roberto Burioni – che di certo non le ha mai mandate a dire ai no vax associandoli prima ai sorci e poi sostenendo che vanno evitati come chi non si lava e puzza – torna a dire la sua sul vaccino anti Covid nel salotto televisivo di Fabio Fazio, su Rai3. Ospite di Che Tempo che fa, il medico ha dichiarato: “I vaccini sono efficacissimi ed estremamente sicuri. Qualcuno è morto per il vaccino? Sì, probabilmente una persona in Nuova Zelanda è morta per miocardite. Si c’è un rischio, ma com’è questo rischio se lo paragoniamo ai rischi che fanno parte della nostra vita quotidiana?”. In effetti, a stretto giro con la somministrazione del vaccino anti Covid, non sono mancati i casi di decessi, anche tra i giovanissimi. Tuttavia, ad oggi, non è stata dimostrata alcuna correlazione tra vaccino e morte delle diverse persone.

Il virologo non nega che possano esserci conseguenze a lungo termine. Semplicemente – asserisce – oggi non possiamo saperlo: “La certezza di una mancanza di un effetto negativo a lungo termine si ha solo a lungo termine. Nulla ci fa sospettare che questi vaccini abbiano effetti negativi a lungo termine“. E, soprattutto, puntualizza che ogni anno – anzi ogni giorno – altre decine di soggetti muoiono per attività ritenute normali: “C’è un rischio, ma ogni anno in Italia ci sono reazioni avverse ai farmaci che causano la morte di 25 persone. Altre persone muoiono per un’allergia al cibo, circa 30 all’anno in media. Ogni anno in Italia 25 persone muoiono per punture di insetti. Quando andate in auto al centro vaccinale, il rischio maggiore lo correte durante il viaggio. Non per la vaccinazione” – ha concluso l’esperto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui