Matteo Bassetti, ora teme per sé e la famiglia “Ho denunciato 70 persone, lo Stato deve difendermi”

0
140
Fonti ed evidenze: Ministero della Salute, Corriere della Sera, Fatto Quotidiano

Medici, giornalisti, politici: tutti presi di mira da alcuni manifestanti no vax o contrari al Green Pass.

Il Ministero della Salute informa che nelle ultime ventiquattro ore i casi totali  di Covid sono saliti di 5498 unità. Da ieri 75 morti e 8885 guariti. I casi attualmente positivi ricominciano a scendere: 137.925, -3468 rispetto a ieri. I ricoveri nei reparti ordinari calano di 12 unità mentre i pazienti in terapia intensiva sono -4 da ieri.

Matteo Bassetti minacciato da un no vax

Un brutto quarto d’ora per il direttore delle Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova, il professor Matteo Bassetti. Il medico, fervente sostenitore del vaccino anti Covid e ostile ai sanitari che lo rifiutano, è stato inseguito e minacciato da un uomo. È accaduto nella serata di domenica 29 agosto, nel quartiere residenziale di Albaro a Genova, dove Bassetti vive con la sua famiglia.  L’aggressore ha incontrato per strada il professore e ha iniziato a inseguirlo riprendendolo col cellulare e urlandogli: “Ci ucciderete tutti con questi vaccini e ve la faremo pagare”.  Per fortuna il professor Bassetti è riuscito ad allontanarsi prima che la situazione potesse degenerare e, forse, sfociare in un’aggressione fisica. L’aggressore è già stato bloccato da una pattuglia della Digos e gli agenti hanno identificato l’uomo: si tratta di un genovese di 46 anni, incensurato. Forse un cittadino che ha perso la ragione e la consapevolezza, sicuramente ostile alle limitazioni legate al Green Pass e ancor più contrario all’ipotesi dell’introduzione dell’obbligo vaccinale. Alla scena ha assistito anche un passante, che ha confermato  la dinamica dei fatti sostenuta da Bassetti. Il Medico  intervistato dal Corriere della Sera – ha spiegato di aver sporto già 70 denunce e che questa esperienza ha lasciato un profondo trauma nel suo bambino più piccolo che è voluto addirittura andare via di casa: “Mia moglie e i miei figli erano in casa e hanno sentito le grida. Oggi il più piccolo, che ha 12 anni, è voluto andare via. E’ la settantesima denuncia che presenta il mio avvocato“. Dopo questo episodio Bassetti è sottoposto alla “vigilanza dedicata“: Polizia e Carabinieri presidiano la sua abitazione e il suo luogo di lavoro sia quando il dottore entra sia quando esce.

Non è la prima volta che l’infettivologo dichiara di ricevere insulti e minacce. Qualche tempo fa l’esperto aveva addirittura ipotizzato che dietro i no vax vi sia un’organizzazione criminale. Ripresosi dallo spavento, Bassetti è subito intervenuto pubblicamente per raccontare la sua brutta esperienza: “Un’aggressione verbale che non è diventata fisica solo perché è intervenuta la Polizia. Ricevo anche chiamate a vuoto e minacce sul cellulare, mi hanno craccato il numero di telefono mettendolo su gruppi Telegram. Bisogna intervenire, non si può interpretare il movimento No vax come movimento di singoli. È un movimento sovversivo. Lo Stato, la Magistratura, devono prendere una posizione forte”. L’infettivologo del San Martino non è l’unico ad essere stato preso di mira. Anche il professor Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università Statale di Milano, ha recentemente raccontato di essere vittima di stalking telefonico: tre, quattro chiamate di fila da numeri privati in cui viene minacciato di morte a causa delle sue posizioni riguardo l’obbligo del vaccino anti Covid.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui