Milano, sentono odore di spazzatura dall’appartamento a fianco. Erano due coniugi dimenticati da tutti

0
2543
Fonti ed evidenze: Corriere della Sera, Giorno

Tragedia nella periferia di Milano: due anziani trovati morti nella loro casa. I corpi emanavano fetore, forse erano già in decomposizione.

Getty Immages/Emanuele Cremaschi

Trovati morti nella loro casa in via Lopez, a Quarto Oggiaro, quartiere sito nella periferia milanese. Questa la triste fine di una coppia di anziani coniugi: Liliana Puorro e Ivano Guarnieri, rispettivamente di 80 e 73 anni. Nessuno si sarebbe accorto della loro morte se non fosse stato per l’odore molto forte che, ad un certo punto ha iniziato a provenire dall’appartamento. “È incredibile. Ci separa un muro e non ci siamo accorti di niente fino a martedì, quando il cattivo odore era insopportabile. All’inizio pensavamo fosse spazzatura lasciata a marcire chissà dove” – le parole di Sherif, 21 anni, un giovane che abita nel medesimo caseggiato dove vivevano i due anziani. L’uomo è stato trovato  a terra, in bagno, in una posiziona tale da lasciar ipotizzare un malore improvviso che gli ha lasciato solo il tempo di crollare sul pavimento provando ad aggrapparsi a oggetti che gli sono finiti addosso. Liliana era vicina al letto, come se si fosse alzata per aiutare il marito. La donna è presumibilmente morta di stenti, perché – da quanto emerso – era il coniuge che si prendeva cura di lei.

Quando i Carabinieri, chiamati dai vicini, sono intervenuti hanno trovato l’appartamento era chiuso dall’interno, con la chiave infilata nella serratura, e le stanze in ordine. Al momento tutto lascia pensare che marito e moglie siano deceduti per cause naturali. Sui corpi nessun segno di violenza. E si tenderebbe ad escludere anche l’ipotesi dell’omicidio- suicidio, come fu, invece, nel caso del maresciallo Maurizio Zanolfi. Tuttavia è stata ugualmente disposta l’autopsia per eliminare ogni dubbio sulla causa del decesso di Liliana e Ivano.
Accanto agli anziani, ad aiutarli umanamente o economicamente,  non c’era una rete familiare né sociale: “Non ho mai visto un parente andare trovarli. Mi fa star male pensare a come siano morti, soprattutto lei, che deve essersi ritrovata completamente sola” – ha concluso Sherif. Entrambi gli anziani si erano trasferiti a Milano dal Veneto: lei era originaria di Venezia, lui della provincia di Rovigo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui