Gabriele Napolitano ex infermiere vaccinato a gennaio muore di Covid dopo una vacanza in Sardegna

0
445
Fonti ed evidenze: Quotidiano.net

Un ex infermiere vaccinato da più di 6 mesi muore di Covid. Il sindacato Infermieri Italiani chiede decisioni rapide in merito alla terza dose.

Gabriele Napolitano con la moglie
Gabriele Napolitano/FB

Gabriele Napolitano, 63 anni, ex infermiere di sala operatoria dell’Azienda dei Colli di Napoli, è morto dopo aver contratto il Covid. L’uomo aveva già effettuato le due dosi di vaccino Pfizer. Le somministrazioni gli sono state effettuate sei mesi fa al Cotugno, come anche a tutto il resto del personale sanitario. 

Gabriele, che era in pensione da due anni, ha contratto il virus durante una vacanza con tutta la sua famiglia in Sardegna a metà luglio. È stato ricoverato in una struttura sanitaria di Sassari, ma le cure non sono bastate: poco dopo il tampone scoperto positivo, è comparsa la febbre, poi la tosse e infine l’insufficienza respiratoria. Dopo un peggioramento costante, i medici di Sassari hanno deciso di disporre una settimana di sub intensiva con il casco e proprio quando la situazione sembrava migliorare, un aggravamento improvviso. In terapia intensiva Napolitano è stato intubato e i medici avevano deciso di provvedere con il trasferimento all’ospedale Cotugno di Napoli. Trasferimento che non è mai accaduto, perché l’ex infermiere, nonostante le due dosi di vaccino, non ha superato l’infezione ed è morto in Sardegna.

Infermiere vaccinato da più di 6 mesi, parla Antonio De Palma

Secondo Giuseppe Fiorentino, primario di Pneumologia del Monaldi, si tratta di un caso “singolare, sfortunato e rarissimo.” Ma dopo questo tragico evento, il sindacato Infermieri Italiani, Nursing Up, chiede che si faccia chiarezza sull’accaduto. Antonio De Palma, presidente nazionale del sindacato in questione, si rivolge direttamente a Roberto Speranza, Ministro della Salute: “come si intende agire con quegli operatori sanitari già vaccinati nei mesi di gennaio e febbraio, e quindi da più di 6 mesi. Le dosi di vaccino a cui si sono sottoposti, secondo le indicazioni dell’Oms, sono o non sono sufficienti a garantire una idonea copertura? 

De Palma chiede informazioni in merito alla terza dose di vaccino, “perché gli infermieri esposti nelle realtà degli ospedali italiani non possono certo attendere.” In merito alla morte di Gabriele Napolitano, chiede che si apra un’inchiesta e un’analisi approfondita sull’efficacia del vaccino, soprattutto rispetto alle varianti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> “Non ci libereremo mai dal Covid, dovremo vaccinarci ogni anno”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui